fbpx
Home Hi-Tech Android World Huawei senza Android, dal 2021 ci sarà HarmonyOS negli smartphone della società

Huawei senza Android, dal 2021 ci sarà HarmonyOS negli smartphone della società

Huawei ha lanciato giovedì la seconda versione del suo sistema operativo HarmonyOS, che dal 2021 farà il grande salto sugli smartphone, che si libereranno perciò di Android. La mossa non coglie di sorpresa, dato che il divorzio forzato imposto dal ban di Trump ha reso i terminali cinesi meno appetibili senza applicazioni e servizi Google pre installati.

Mentre Huawei è diventato il produttore di smartphone numero uno al mondo nel secondo trimestre, la maggior parte di questo risultato è dovuto proprio al mercato cinese con la sua enorme popolazione, mentre i mercati internazionali hanno visto un forte calo.

Forse a partire dal prossimo anno vedremo smartphone con HarmonyOS

ha commentato giovedì scorso Richard Yu, CEO della divisione consumer di Huawei, durante un discorso programmatico. Successivamente, in un messaggio alla CNBC, lo stesso ha confermato che HarmonyOS funzionerà sui nuovi telefoni di Huawei nel 2021.

Huawei sostiene HarmonyOS come un sistema operativo mobile in grado di funzionare su una serie di dispositivi diversi. Gli sviluppatori devono solo creare una versione dell’app in grado di essere eseguita su più componenti hardware. Una sorta di OS universale, dunque.

Hawei Mate 40 sarà l’ultimo smartphone Huawei ad avere chip Kirin di fascia alta

Giovedì, Huawei ha lanciato HarmonyOS 2.0 e ha affermato che una versione beta del sistema operativo sarà aperta agli sviluppatori, anche ai rivali di Huawei, per dispositivi come smartwatch, TV e unità principali per auto dal 10 settembre, mentre la stessa disponibilità si avrà per gli smartphone a partire dal mese dicembre.

Ovviamente, giudicare un sistema operativo senza conoscere quale sarà il futuro supporto degli sviluppatori è impossibile. I due più grandi sistemi operativi mobili in questo momento – Google Android e iOS di Apple – hanno avuto successo perché dispongono di milioni di sviluppatori al seguito che creano app pda lanciare nei rispettivi store.

Huawei sta lavorando per costruire la sua base aprendo HarmonyOS a più dispositivi. Nel fare ciò Yu ha affermato di sperare che HarmonyOS possa aiutare gli sviluppatori internazionali a servire i consumatori cinesi, trasformando di fatto Huawei in un “ponte di mezzo”.

Gli esperti in precedenza hanno messo in dubbio il potenziale successo di HarmonyOS nei mercati internazionali, dato che non ci sono al momento applicativi chiave come Spotify o Netflix, così come è del tutto improbabile che Google rilasci le proprie app per questa nuova piattaforma.

Oltre al software, però, Huawei dovrà affrontare anche una problematica hardware: gli Stati Uniti hanno modificato alcune normative che impongono ai produttori di chip stranieri che utilizzano apparecchiature americane di ottenere una licenza da Washington prima di poter vendere semiconduttori a Huawei. Ciò ha tagliato fuori la società dal suo principale produttore di chip, TSMC, una mossa che potrebbe avere enormi implicazioni per la sua capacità di realizzare smartphone e altri dispositivi. Huawei ha davvero pochissime alternative al momento.

Offerte Speciali

iPad Pro 11″ 256 GB scontato su Amazon: 949 €

iPad Pro 11″ 256 GB Cellular al minimo su Amazon: 1064 €

Su Amazon iPad Pro torna al prezzo minimo nella sua versione da 256 GB cellular con schermo da 11 pollici. Lo pagate solo 1064 euro, quasi il 10% in meno del prezzo di listino
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,807FansMi piace
93,834FollowerSegui