Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Hi-Tech » Finanza e Mercato » Anche in Turchia vogliono alternative all’App Store

Anche in Turchia vogliono alternative all’App Store

Pubblicità

La Commissione Turca sulla competizione ha avviato una indagine sui contratti stipulati da Apple con gli sviluppatori e l’impossibilità per questi ultimi di offrire agli utenti sistemi di pagamento alternativi all’App Store.

Lo riferisce Reuters spiegando che la l’indagine è stata avviata nell’ambito di una revisione dei dispositivi smart mobile e dei software per questi ultimi.

La Commissione Turca sulla competizione è l’autorità che si occupa di regolamentazione della concorrenza, con l’obiettivo di “prevenire minacce al processo concorrenziale nei mercati per beni e servizi”, con ampi poteri conferiti dalla legge.

Le contestazioni mosse a Apple sono probabilmente simili a quelle che hanno portato a cambiamenti per iOS, Safari e l’App Store nell’Unione Europea, al fine di conformarsi al Digital Markets Act (DMA). Con l’aggiornamento a iOS 17.4, Apple ha integrato modifiche che includono, tra le altre cose, nuove opzioni per l’elaborazione di pagamenti nelle app e la distribuzione di app per iOS.

Apple aveva a suo tempo sottolineato che nuove opzioni per l’elaborazione dei pagamenti e il download delle app su iOS aprono nuove vie d’ingresso per malware, frodi, truffe, contenuti illeciti e dannosi, e altre minacce per la privacy e la sicurezza. Sono state previste nuove forme di protezioni (inclusa la “notarizzazione”, ovvero l’autenticazione delle app), e nuove opzioni consentono di distribuire app iOS da app marketplace alternativi, gli sviluppatori possono usare strumenti e API che consentono agli di offrire le proprie app iOS in download da app marketplace esterni.

Bozza automatica

Nell’Unione europea Apple offre ora nuove opzioni per elaborare i pagamenti tramite link a siti esterni che consentono all’utente di completare la transazione per l’acquisto di beni o servizi digitali sul sito web esterno dello sviluppatore. Gli sviluppatori possono anche informare gli utenti dei Paesi UE di eventuali promozioni, sconti e altre offerte disponibili al di fuori delle loro app.

Simili possibilità potrebbero essere offerte anche in Turchia e altri Paesi (es. Regno Unito e Giappone) dove si sta indagando o sono allo studio leggi che obbligheranno Apple a consentire l’uso di App Store e sistemi di pagamento in-app alternativi all’App Store. Nonostante gli obblighi, nell’UE Apple al momento sta facendo di tutto per “soffocare” gli App Store alternativi…

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

Nuovo Apple Watch SE già in forte sconto su Amazon

Apple Watch SE Cellular 44mm scontato del 22%, solo 249€

Su Amazon Apple Watch SE torna al minimo storico. Ribasso di 70€ per la versione Cellular da 44mm, prezzo di solo 249 €
Pubblicità

Ultimi articoli

Pubblicità