Intel anticipa i nuovi processori Coffee Lake per contrastare AMD Ryzen?

Il fiato sul collo di AMD si fa sentire e secondo diverse indiscrezioni, Intel vuole anticipare il lancio di nuovi processori, inclusi Skylake-X, Kaby Lake-X e Coffee Lake

Stando a quanto riporta il sito DigiTimes, Intel vuole anticipare il lancio della nuova piattaforma Basin Falls, che include i processori Skylake-X e Kaby Lake-X supportati dal nuovo chipset X299 e poi anticipare anche le nuove CPU con architettura Coffe Lake. Ad agosto (e non a gennaio come in precedenza previsto) arriveranno i Coffee Lake permettendo di affrontare la concorrenza di AMD con le CPU Ryzen 7 e Ryzen 5. Secondo il sito taiwanese (ma anche altre fonti) la presentazione di Skylake-X e Kaby Lake-X avverrà durante il Computex 2017 di Taipei che si svolgerà dal 30 maggio al 3 giugno, anticipando di due mesi l’uscita in precedenza prevista.
Coffee Lake

La serie Skylake-X prevede tre processori con TDP 140W con architettura a 6, 8 e 10 core, mentre la serie Kaby Lake-X prevede processori quad-core con TDP 112W; ad agosto Intel presenterà il processore top della gamma, Skylake-X a 12-core, un numero di core superiore rispetto alle attuali soluzioni mainstream concepiti probabilmente per competere con gli agguerriti AMD Ryzen. AMD intanto non dorme e starebbe lavorando su una piattaforma superiore all’attuale AM4, X399, con debutto previsto nel terzo trimestre; si vocifera di architettura Ryzen con un massimo di 16 core e 32 thread (previsto anche un 12 core / 24 thread).

Per quanto riguarda la piattaforma Intel che dovrebbe occupare il posto delle attuali proposte Kaby Lake secondo Digitimes la multinazionale di Santa Clara inizialmente “presenterà diversi modelli K delle serie Core i7, Core i5 e Core i3 e il chipset Z370 in agosto, poi tra la fine dell’anno e l’inizio del 2018 arriveranno più CPU insieme ai chipset H370, B360 e H310”.

Per quanto riguarda le prestazioni, Intel ha spiegato che l’ottava generazione dei processori Core sarà il 15% più veloce dei chip odierni e che le nuove CPU saranno prodotte di nuovo a 14 nanometri, un processo migliorato rispetto alle prime versioni ma ancora nulla a che vedere con i paventati 10 nanometri, processo invece previsto per i Cannonlake inizialmente destinati ai dispositivi dell mondo mobile.