Intel Broadwell offrirà miglioramenti del 30% in prestazioni e consumi

Con i processori di quinta generazione Intel Broadwell sono attesi miglioramenti nei consumi e nelle prestazioni nell’ordine del 30%. Intel ha illustrato alcune nuove funzionalità dei processori in arrivo entro il 2014 destinati anche ai Mac di prossima generazione

intel logo icon 600

La quinta generazione dei processori Core, Intel Broadwell arriverà nella seconda metà di quest’anno e permetterà di costruire computer più veloci e più parchi nei consumi del 30% rispetto ai processori Intel Haswell attualmente sul mercato. Nuove informazioni e dettagli su Intel Broadwell sono stati forniti da Intel e riportati da Computerworld: naturalmente le novità interessano sia il mondo dei PC-Windows ma anche gli appassionati del mondo Apple: la prossima generazione sarà infatti integrata negli iMac e nei portatili Apple che arriveranno tra la fine del 2014 e l’inizio del 2015.

Proseguendo la tabella di marcia Intel con processo tick-tock, alternando cioè l’introduzione di una nuova architettura con l’impiego di un nuovo processo costruttivo, Intel Broadwell permetterà una riduzione dei circuiti interni dei processori della serie Haswell, realizzati a 22 nanometri, passando al nuovo processo a 14 nanometri. Ma la riduzione dei transistor non sarà l’unica novità di Intel Broadwell: i nuovi processori infatti implementeranno anche importanti novità dal punto di vista dell’architettura. In particolare i processori in versione per computer desktop supporteranno le nuove memorie DDR4, più veloci e anche meno esigenti in termini di comsumi di energia.

Intel non ha ancora svelato i propri piani per i processori Intel Broadwell destinati ai computer portatili, ma ha fornito alcune anticipazioni sul primo processore di quinta generazione in versione Extreme Edition: si tratterà di una CPU particolarmente potente con 8 core integrati, invece dei 6 impiegati finora, destinata agli utenti estremi e in particolare ai videogiocatori e appassionati di modding. Questo modello Extreme e anche un processore per desktop con velocità di clock non bloccata dal costruttore saranno i primi modelli di Intel Broadwell ad essere lanciati sul mercato nella seconda metà di quest’anno. La CPU per desktop sarà anche la prima di questo tipo ad integrare la GPU grafica Intel Iris Pro: anche questa sarà potenziata grazie a un maggior numero di transistor dedicati all’interno del chip. Sembra invece che le CPU Intel Broadwell per notebook non supporteranno le memoria DDR4, per cui è previsto un alto prezzo iniziale che potrebbe scoraggiare i costruttori.

Ricordiamo che il primo portatile prototipo con Intel Broadwell è stato mostrato da Intel all’Intel Developer Forum di settembre 2013. Ora Intel ha dichiarato di aver realizzato anche un prototipo di computer all-in-one con processore Intel Broadwell. Si stanno studiando design di riferimento per i costruttori PC che prevedono l’uso di maniglie integrate per spostare il sistema tutto integrato più facilmente all’interno della casa. In studio anche l’integrazione, sempre negli all-in-one di videocamere 3D in grado di riconoscere gli oggetti e anche le gesture dell’utente.

Oltre alle novità in arrivo in campo processori, Intel conferma l’impegno per lanciare Intel Broadwell entro quest’anno: ricordiamo infatti che da tempo circolano voci su problemi riscontrati in produzione che hanno costretto il colosso di Santa Clara a posticipare il lancio della quinta generazione di processori Intel Core. Il rinnovo dei Mac sarà legato alle tempistiche di Intel: occorre attendere per conoscere le mosse di Cupertino. Nei prossimi mesi Apple potrebbe scegliere di introdurre nuovi Mac adottando una versione leggermente migliorata di Intel Haswell, attesa nei prossimi mesi, oppure attendere ulteriormente per adottare i processori Intel Broadwell.

intel broadwell 600 1