Intel, Thunderbolt sarà  ancora più veloce grazie al PCI-Express 3.0

Intel studia come migliorare ancora la già elevata velocità di Thunderbolt, la connessione usata da Apple che consente di collegare computer e periferiche in cascata. Il supporto per il PCI-Express 3.0 consentirà di raddoppiare l’ampiezza di banda.

Intel sta lavorando per migliorare ulteriormente la velocità di Thunderbolt, la connessione ad alta velocità usata da Apple che consente di collegare computer e periferiche in cascata. La casa di Santa Clara prevede in futuro il supporto del protocollo PCI-Express 3.0, anziché il più “lento” (relativamente parlando) PCI-Express 2.0 attuale. Non sono state indicate date ma certamente è necessario del tempo prima che i protocolli siano standardizzati e create periferiche adeguate. Il bus PCI-Express 3.0 ha un’ampiezza di banda che raggiunge gli 8 GT/s, il doppio del predecessore PCI Express 2.0 (in grado di offrire di velocità di trasferimento fino a 5 GT/s). Cavi con connessioni ottiche erano stati originariamente previsti per Thunderbolt ma, probabilmente per ridurre i costi, i cavi odierni sono ancora cablati con il tradizionale rame. Il ricorso alle connessioni ottiche potrebbe essere uno dei meccanismi che consentirà a Intel di ottenere velocità di trasferimento ancora più elevate di quelle odierne. Il passaggio a fibra ottica è rilevante poiché la tecnologia che consente oggi di operare a 10 Gbps in futuro potrebbe raggiungere anche i 100 Gbit/s (come termine di paragone si deve considerare che una connessione da 10Gb/s consente di trasferire un lungometraggio Blu Ray in meno di 30 secondi). 

Intel è già riuscita a implementare il PCI-Express 3.0 a livello di chipset. Lo Xeon E5 (CPU che forse vedremo in futuri Mac Pro) supporta infatti PCIe 3.0 direttamente nel microprocessore; con questa integrazione, il produttore afferma che la latenza è fino al 30% inferiore rispetto alle precedenti generazioni. PCI Express 3.0 può incrementare fino a tre volte la velocità di trasferimento dei dati verso e dal processore.

Finora Thunderbolt è stata una tecnologia vista solo sui computer Apple e non sono molte le periferiche disponibili. Attorno a questa tecnologia c’è ad ogni modo molto interesse da parte di produttori quali Aja, Apogee, Avid, Blackmagic, G-Technology (Hitachi), LaCie, Promise, Western Digital e altri ancora; Acer, Asus, Lenovo e Sony stanno cominciando (o lo faranno a breve) a commercializzare notebook e computer con questo collegamento e dunque non mancheranno in futuro nuove e sempre più interessanti periferiche.

[A cura di Mauro Notarianni]