Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Hi-Tech » Futuroscopio » La Francia pronta ad estendere la tassa culturale anche online?

La Francia pronta ad estendere la tassa culturale anche online?

Un nuovo rapporto del Conseil supérieur de l’audiovisuel (CSA), una sorta di AGCOM francese, ha aperto la porta a possibili imposte sulla fruizione dei contenuti video via web su grandi portali della rete, come per esempio YouTube, estendibile anche ad altri e più generici fornitori di contenuti, come Facebook stessa. L’apertura riguarda la cosiddetta “tassa culturale” francese, in base alla quale attualmente vigono specifiche imposte su cinema, emittenti e fornitori di servizi Internet, con circa 1,3 miliardi di euro di fatturato annuo, tassa nata allo scopo di finanziare il cinema e la produzione televisiva francese.

Con l’avvento della rete e dei video on-demand gli spettatori potrebbero decidere di andare sempre meno spesso al cinema, preferendo guardarsi i film comodamente dal divano di casa via YouTube, tendenza che potrebbe arrecare un danno alle entrate destinate alle cultura francese. L’idea è quindi di tassare anche portali web come YouTube, con la possibilità di estendere il concetto di fornitore di contenuti anche ad altri siti, come Facebook.

L’idea sembra ormai rientrare in una tendenza specifica del governo francese, sempre più attento a trarre vantaggio dall’enorme successo del boom tecnologico; questa estate una proposta al presidente Hollande ha suggerito una tariffa del 1 per cento su smartphone e tablet, per destinare i ricavi verso lo stesso fondo culturale. Primario obiettivo è Google, accusata di fatturare centinaia di migliaia di euro eludendo le tasse, una situazione che il presidente Hollande ha definito “inaccettabile”. Non mancano i guai anche per Apple, indagata dal garante della concorrenza francese.

CSA.fr - Rapport au Gouvernement sur l’application du décret n° 2010-1379 du 12 novembre 2010 relatif aux services de médias audiovisuels à la demande  SMAD    Les autres rapports   Etudes et publications   Accueil

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

Confronto iPhone 15 contro iPhone 14, quale scegliere

Su Amazon ancora ribassi per iPhone 15, ora al minimo storico con prezzo da 769€

Si allarga lo sconto su iPhone 15. Sono in promozione sia i modelli da 128 Gb che quelli di 256 Gb. Risparmio record fino al 21% e prezzi di 210 € sotto quelli consigliati da Apple.

Ultimi articoli

Pubblicità