La nuova Sony A7R IV ha 61 MP e raggiunge nuovi record per una mirrorless full frame

Ha un super-sensore da 61 MP, gamma dinamica da primato e AF continuo con aggancio sul volto dell’utente anche nei video: ad un prezzo pro.

La nuova Sony A7R IV ha 61 MP e costa quanto un iMac 27” super-pompato

La nuova mirrorless Full Frame di Sony è stata annunciata nelle scorse ore durante un evento in Live Streaming un po’ a sorpresa visto che ci si aspettava piuttosto il lancio di una A7S III, tanto per mantenere una sorta di continuità tra gli annunci delle varie generazioni (c’è l’A7 III e l’A7R III, mancava giusto giusto l’A7S III).

Questa nuova fotocamera si inserisce all’interno di un mercato che, a detta della società, ha superato le reflex a livello globale in tutti i formati (dal Full Frame in giù) e dove Sony, da più di un anno, è il primo brand in USA sia per numero di vendite che per fatturato.

Sony A7R IV

Ma cos’ha di tanto speciale questa fotocamera? In realtà bel po’ di cose. Innanzitutto monta un sensore Full Frame retroilluminato da 61 MP di tipo CMOS Exmor R 35 mm con processore d’immagine BIONZ X di ultima generazione – per la gamma dinamica si parlano di ben 15 stop – che può scattare immagini in modalità crop APS-C all’elevata risoluzione di 26.2 MP.

Sembra poco? E allora sappiate che c’è anche una nuzova modalità di scatto denominata Pixel Shift immagini a risoluzione piena che poi, giunti al computer e usando il software di Sony, possono essere fuse in un solo scatto da ben 240 MP. Ottimo anche lo scatto continuo, che può arrivare a 10 fps con tracking completo del soggetto per una durata massima di 7 secondi e con buffer triplicato se si usa la modalità APS-C.

La nuova Sony A7R IV ha 61 MP e costa quanto un iMac 27” super-pompato

C’è poi un sistema di AF ibrido con 567 punti a rilevamento di fase sul 74% del fotogramma (425 punti AF a contrasto) ed il Real-time Eye AF continuo, funzione che tiene a fuoco il soggetto puntando l’AF dritto dritto negli occhi e che può essere impiegata anche nelle riprese video. Video che possono essere registrati in 4K con lettura completa del sensore senza pixel binning in formato Super35 con supporto ai formati colore S-Log2/3 a 8 bit e alla funzionalità Hybrid Log-Gamma oppure in Full HD a 120 fps con codice XAVC S con un massimale di 100Mbps.

C’è il doppio slot UHS-II (nelle altre il secondo è UHS-I e quindi meno performante) e poi la tropicalizzazione è migliore rispetto alle fotocamera che va a rimpiazzare, oltre al fatto che il nuovo profilo per l’impugnatura insieme ad altre piccole modifiche ergonomiche a ghiere e joystick rendono il tutto più maneggevole.

Un curiosità: la nuova Sony costa quanto un iMac 27” a 3.0 GHz in configurazione top! Ovviamente stiamo parlando di due prodotti completamente diversi e che non necessariamente vengono utilizzati nello stesso ambito. Se li mettiamo uno al fianco dell’altro non lo facciamo soltanto perché stiamo scrivendo tra le pagine di Macitynet, ma perché effettivamente hanno qualcosa in comune: il prezzo.

La nuova Sony A7R IV ha 61 MP e costa quanto un iMac 27” super-pompato

Chi vuole approfondire la conoscenza della nuova Sony  troverà tutti i dati tecnici e le specifiche sul sito ufficiale: noi concludiamo invece parlando del prezzo.

Perché vi abbiamo detto che costa quanto un iMac 27” a 3.0 GHz in configurazione top, quindi il modello che parte da 1.799 dollari ed al quale si deve andare a sostituire il banco di RAM da 8 GB con quello da 32 GB (e siamo a 2.399 dollari), il disco da 1 TB Fusion Drive con l’SSD da 1 TB (e saliamo a 2.899 dollari), aggiungiamo in confezione il Magic Trackpad 2 insieme al Mouse (e superiamo i 3.000 dollari) e infine, tanto perché non vogliamo farci mancare niente, ci facciamo pre-installare le ultime versioni di Final Cut Pro X e Logic Pro X. Ecco fatto che l’iMac ci costa 3.500 dollari e spicci, ovvero quel che costerà la nuova Sony A7R IV ad agosto, ovvero quando sarà introdotta sul mercato.