LG: avviata la produzione di schermi in-cell, saranno integrati in iPhone 5?

LG ha annunciato di aver superato i problemi iniziali sulle catene di montaggio per gli schermi con nuova tecnologia in-cell: ora la produzione è partita. La nuova generazione di display in-cell integra i sensori touch direttamente nello strato dei filtri colore: molto probabilmente saranno integrati nel nuovo iPhone 5.

LG ha risolto i problemi iniziali per realizzare gli schermi con la nuova tecnologia in-cell: ora la produzione è partita, così anche il colosso degli schermi coreano potrebbe rientrare tra i fornitori di display per il prossimo iPhone 5. La risoluzione dei problemi sulle catene di montaggio e l’avvio della produzione è stato comunicato direttamente da Han Sang-beom, Ceo di LG riportato dal Wall Street Journal. “Abbiamo avuto alcuni momenti difficili (nel nuovo sviluppo nella tecnologia in-cell) in un primo momento… ma sembra che questi tempi duri siano finalmente conclusi – ha dichiarato il Ceo di LG precisando – La tecnologia in-cell è il più recente sviluppo del settore. (Ma) saremo in grado di fornire i pannelli senza problemi”.

Oltre ad ufficializzare l’avvio della produzione di display in-cell da parte di LG, le dichiarazioni di Han Sang-beo confermano per la prima volta l’esistenza di problemi legati alla loro produzione: negli scorsi mesi le difficoltà delle società coreane e taiwanesi nella produzione di display in-cell erano circolate solo sottoforma di indiscrezioni provenienti dagli addetti ai lavori. Proprio le difficoltà di LG, TPK e anche di Wintek avrebbero costretto Apple a depennare i tre partner storici dai fornitori di componenti per il prossimo iPhone per rivolgersi a Sharp e anche Japan Display, conglomerato giapponese costituito da Sony, Hitachi e Toshiba. Che il nuovo iPhone utilizzerà schermi in-cell è una anticipazione nota fin dal mese di aprile, mentre conferme più attendibili risalgono a luglio. Sempre a luglio risalgono i problemi di costruzione dei colossi di Corea e Taiwan e la svolta di Apple per una fornitura di schermi tutta giapponese.

Non esistono ancora conferme ufficiali che il prossimo iPhone integrerà schermi in-cell ma ormai i dubbi in proposito sono pochi. Ricordiamo che pur senza specificare il tipo di schermi, Takashi Okuda, presidente di Sharp ha dichiarato che il colosso giapponese che ora sta attraversando una profonda crisi, ha già avviato nel mese di agosto la produzione dei display per il prossimo iPhone.

Riepiloghiamo i vantaggi della nuova tecnologia in-cell rispetto agli schermi visti finora con soluzione on-cell: integrando i sensori touch direttamente nello strato dei filtri colore i display in-cell riducono lo spessore non solo dello schermo ma potenzialmente anche dell’interno smartphone. L’eliminazione di uno strato offre immagini e colori più nitidi, infine i pannelli in-cell semplificano lo schema di rifornimenti, produzione e assemblaggio della Mela perché eliminano un elemento. Della soluzione in-cell abbiamo già parlato qui.: in calce inseriamo uno schema che confronta a sinistra lo schermo on-cell di iPhone 4S con una soluzione in-cell attesa nel prossimo iPhone.
in cell on cell