Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Hi-Tech » Internet » Symbian, Nokia pagò un riscatto per salvarlo

Symbian, Nokia pagò un riscatto per salvarlo

Secondo quanto riportato dalla testata finlandese MTV Finland, alla fine degli anni 2000, fra il 2007 e il 2008 Nokia ha pagato diversi milioni di euro per accontentare alcuni estorsori che avevano ottenuto una chiave che – diffusa pubblicamente – avrebbe permesso a qualsiasi sviluppatore di “firmare” ufficialmente le loro applicazioni Symbian, facendo credere che le applicazioni fossero state adeguatamente controllate e verificate, garantendo così l’accesso al cuore dei telefonino dotati del sistema operativo

Il danno sarebbe stato potenzialmente disastroso per Nokia: un malintenzionato avrebbe potuto realizzare malware di qualunque genere, diffondere virus e causare danni anche gravi ai possessori dei dispositivi. Di qui la decisione di cedere al ricatto, nella speranza di fermare la minaccia ma anche di catturare i colpevoli. L’azienda aveva infatti coinvolto le forze dell’ordine finlandesi.

Così come insegnano i film di spionaggio e polizieschi, il pagamento è stato recapitato facendolo cadere all’esterno di un parcheggio di un parco di divertimenti, sperando in un passo falso. Ma in qualche modo i colpevoli recuperarono il denaro e riuscirono a fuggire. Ad oggi il caso è irrisolto e  proietta un fascio di luce sull’importanza della sicurezza di un ecosistema e delle necessità di controlli puntuali e stringenti.

Nokia symbian

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

Sconto boom, per MacBook Air M2 512GB 1199 €!

Su Amazon il MacBook Air da 15,4" nella versione da 512 GB con processore M2 va in sconto. Lo pagate 680 euro meno del nuovo modello, solo 1199€

Ultimi articoli

Pubblicità