fbpx
Home Macity AggiornaMac Sicurezza su Xbox: tre bug in 512 bytes di codice

Sicurezza su Xbox: tre bug in 512 bytes di codice

L’obiettivo è il controllo totale della piattaforma. Per impedire che si possano far girare programmi non autorizzati su Xbox, rivela un sito del mondo open source, Microsoft è ricorsa a un chip segreto, una rom contenente un codice di autorizzazione e verifica delle credenziali dell’hardware e del sofware che deve essere fatto funzionare.

Lo scopo non è solo quello di impedire il funzionamento dei giochi copiati, ma anche quello di controllare l’accesso all’hardware Microsoft da parte di software di terze parti non autorizzati. Come, per esempio, un cd contenente Linux e OpenOffice.

Il problema è che la rom segreta e il sistema di firma digitale con tanto di certificati implementato, che presiede il funzionamento corretto della fase di avvio – boot – della console, ha problemi di sicurezza notevoli. A livello di giardino d’infanzia della security informatica.

Il primo, spiegano gli esperti del sito, è la dimensione stessa della rom: 512 bytes, un numero di informazioni talmente limitato da essere quasi irrisorio. E facilmente “scopribile” anche senza bisogno di aggredire fisicamente l’hardware Microsoft.

Poi, arrivano le tre backdoors. Non una, ma tre differenti bug che permettono di accedere e “forzare” il lucchetto elettronico messo in piedi da Microsoft. Considerando che tutti e tre stanno compressi nel risicato spazio di 512 bytes di codice – pari a poche righe, scritti stanno su di un solo foglio di carta – viene da chiedersi quale percentuale delle istruzioni siano “sane”. Il cinquanta per cento? Il venticinque?

Microsoft, che dal 2001 aveva visto “violata” la sicurezza della Xbox, ha successivamente aggiornato il meccanismo di protezione. Utilizzando buone tecnologie, questa volta, ma implementandole male. E, nella sostanza, le backdoor sono sempre, sostengono gli esperti, completamente spalancate. Errori da giardino d’infanzia…

Offerte Speciali

Su Amazon torna Mac mini M1 in pronta spedizione

Mac mini M1 con SSD 256 GB al minimo storico: solo 765,99 € su Amazon

In offerta con sconto di più di 50 € su Amazon il recentissimo Mac mini con processore M1: 8 core grafici e 8 core di calcolo con SSD da 256 GB per sfruttare al massimo anche macOS Big Sur.
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,834FansMi piace
93,217FollowerSegui