Home iOS Tim chiede ai rivenditori di comprare anche altri smartphone per avere iPhone...

Tim chiede ai rivenditori di comprare anche altri smartphone per avere iPhone 4?

Tim sta cogliendo l’occasione del lancio di iPhone 4 per movimentare i magazzini di prodotti meno richiesti? Secondo un articolo apparso ieri sul sito specializzato “Il Telefonino” pare proprio di sì.

In base a quanto i nostri colleghi sono riusciti a verificare a diversi (forse tutti) i dealer Tim sarebbe stata recapitata nel corso delle ultime ore una circolare con la quale li si invita a comprare nel pacchetto che dovrebbe portare al loro negozio l’ambito nuovo modello di telefono Apple anche un discreto numero di cellulari di altri produttori; in particolare, da quanto ci è stato riferito dalla redazione si tratterebbe dei Samsung Corby, Htc Smart ed Lg Surf KM570.

L’operazione solo apparentemente è di scarso interesse per i clienti finali; al contrario è di scottante attualità se si considera che nel giudizio di diversi rivenditori “pacchetto” (iPhone 4 più altri cellulari non largamente richiesti) è in grado di trasformarsi in un boomerang che di ritorno potrebbe applicare qualche ammaccatura non irrilevante sul fatturato e sui guadagni dei negozi, specie a fronte del periodo estivo. Per questa ragione diversi di essi, dice Il Telefonino, starebbero valutando di rispondere “no” alla richiesta di Tim e non ordinare gli iPhone. Il risultato? Non tutti i rivenditori Tim avrebbero l’iPhone 4 e acquistarne uno potrebbe diventare più difficile del previsto.

Va detto che Tim potrebbe avere anche messo in conto questa ipotesi, coniugandola con il ridotto numero di iPhone disponibili. Insomma: sapendo di avere pochi iPhone e di non essere in grado di soddisfare tutti i suoi rivenditori, il braccio mobile di Tim farebbe in questo modo una sorta di selezione cercando tra di essi i più motivati e quelli disponibili anche ad accollarsi l’onere di proporre altri prodotti meno facili da vendere di iPhone 4.

La fiducia di Tim sul fattore traino di iPhone 4 emerge anche da altri aspetti, come ad esempio per incrementare le vendite di alcune opzioni quali la Tim X Smartphone. L’ambizione, legittima, di far salire il fatturato viene però, non si capisce bene per quale ragione, fondata su un servizio come Facetime.

Nel messaggio inviato ai rivenditori si invitano, infatti, i commessi dei suoi negozi a proporre Tim X Smartphone (da due euro a settimana) sottolineando come FaceTime sia in grado di incrementare i consumi di dati sulla rete cellulare. Il ragionamento che si vorrebbe che il rivenditore proponesse è stato messo nero su bianco in un altro documento inviato di negozi Il Telefonino e quelli convenzionati Tim : «Cogliamo l’occasione per sottolineare l’opportunità di sensibilizzare ciascun pdv (punto di vendita NDR) ad attivare al cliente l’opzione TIM x Smartphone (2€/settimana), opzione particolarmente conveniente per il cliente utilizzatore dell’iPhone 4. Ricordiamo infatti che il nuovo iPhone4 ha la funzionalità Video Call (FaceTime)». Se vi state chiedendo che cosa abbia a che fare FaceTime con i dati di rete cellulare e state pensando ad un errore di valutazione da parte del gruppo tecnico di Tim, non a conoscenza del fatto che la videochat di iPhone 4 funziona solo su Wifi, vi state sbagliando. Tim sa bene che FaceTime «effettua – come si legge in una seconda comunicazione pubblicata da altri siti Internet – la videochiamata solo su rete WiFi»  ma secondo Tim «FaceTime, abilitata obbligatoriamente e contestualmente all’attivazione del terminale attraverso il sw di  iTunes, connette il telefono alla rete in maniera permanente (c.d. “Always On”). Pertanto il Cliente, se non attiva la TIM X Smartphone, rischia di vedersi addebitati continuamente gli importi per la connessione anche senza aver utilizzato alcuna applicazione installata e/o effettuato navigazione web». Insomma: FaceTime, secondo Tim, per funzionare ha comunque bisogno della rete dati cellulare e per questo fa correre il rischio di connessioni fantasma alla rete da parte di altre applicazioni.

In realtà al momento non risulta affatto che per far funzionare FaceTime debba essere attivata la connessione dati su rete cellulare (che comunque in iOS 4 si può disattivare facilmente evitando a monte ogni rischio), semmai si deve avere attivato l’identificativo del chiamante; non è neppure vero che FaceTime «è abilitata obbligatoriamente e contestualmente all’attivazione del terminale attraverso il sw di  iTunes»; al contrario è disabilitata di default e anche quando viene abilitata si può disattivare usando un interruttore ad hoc nelle preferenze.

Insomma, se tutto quanto riportato corrispondesse a realtà, il modo con cui Tim si prepara al lancio di iPhone 4 finirà per suscitare più di qualche perplessità e protesta. La speranza è che con gli annunci ufficiali le ombre si dissolvano e che il braccio mobile di Telecom Italia smentisca con i fatti tutto quel che è stato scritto. In caso contrario i rapporti tra Tim ed Apple, non idilliaci ormai da diverso tempo e recentemente molto vicini al punto di rottura, come abbiamo già avuto modo di raccontare e come dimostrano anche vicende recenti (come quella del lancio ritardato dell’offerta per iPad), corrono il rischio di arrivare al punto di non ritorno. Non c’è infatti alcun dubbio sul fatto che a Cupertino si tengano gli occhi e le orecchie ben aperti di fronte a qualunque evento che in qualche modo è in grado di appannare, anche indirettamente, il debutto di iPhone 4. E non c’è dubbio che quando si legge su Internet ha più di una possibilità di rendere controversa sotto diversi profili l’operazione iPhone 4.

Offerte Speciali

iPad Air 256 GB Wi-Fi e 64 GB cellular: scontatissimi su Amazon i modelli 2020

Su Amazon trovate in sconto iPad Air Cellular da 64 GB e iPad Air Wi-Fi da 256 GB con ribassi oltre il 14% e spedizione immediata.
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,767FansMi piace
90,950FollowerSegui