Tuffo nel passato: Bell Labs nel 1967, quando l’hi-tech era lavoro da donne

L'informatica moderna è frutto di idee, intuizioni, linguaggi di programmazione e sistemi operativi nati anni prima in laboratori con HDD "Winchester" da pochi mega, bobine a nastri magnetici, telescriventi. Quando l'informatica era lavoro da donne.

The Guardian ha pubblicato alcune interessanti foto che consentono di avere un’indicazione della vita lavorativa nei dipartimenti di Bell Laboratories, il laboratorio di ricerca e sviluppo noto per scoperte e molte innovazioni ed invenzioni, molte delle quali usate in astronomia, nei sistemi operativi, nei linguaggi di programmazione, nell’elettronica, una fucina d’idee che è stata certamente tra gli artefici della rivoluzione informatica.

Le foto che riportiamo in calce sono state scattate nel 1967 da ‘Larry’ Luckham, all’epoca responsabile operativo dei Bell Labs ad Oakland (California), che aveva deciso di fotografare una giornata di lavoro immortalando alcuni avanzati dispositivi dell’epoca (bobine a nastri magnetici, HDD Winchester, terminali) che oggi appaiono tecnicamente distanti anni luce.

L’anno in questione è lo stesso nel quale arrivò Dennis Ritchie, importante pioniere che due anni dopo avrebbe sviluppato insieme con Ken Thompson il sistema operativo UNIX e nel 1970 il linguaggio di programmazione C.

Dalle foto si evince il gran numero di donne presenti nei Bell Labs: non sono ritratte per abbellire le immagini ma sono dipendenti vere e proprie. All’epoca usare un computer era considerato un lavoro da ufficio/amministrazione e come tale dominio del mondo femminile. Molte donne lavoravano ancora prima nel Bletchley Park di Londra (la cosiddetta ” Stazione X” che durante la guerra mondiale si occupava di crittoanalisi) e anche quella che è riconosciuta universalmente come la prima programmatrice della Storia era una donna: Ada Byron Lovelace.

Resta da chiedersi come mai oggi le donne sembrano meno coinvolte ed entusiaste verso la scienza informatica, nonostante le sfide intellettuali e le opportunità che questa offre.