VISA indica il futuro dei pagamenti digitali in Italia

In occasione dell’edizione 2022 del Salone dei Pagamenti che si è svolto dal 23 al 25 novembre, VISA ha presentato lo scenario futuro dei pagamenti digitali in Italia e indicato alcune innovative soluzioni per contribuire allo sviluppo digitale del Paese. Gli ultimi due anni hanno accelerato la diffusione e l’evoluzione dei pagamenti digitali e oggi l’80% dei pagamenti in presenza, processati da Visa in Europa, sono contactless: in crescita, anche l’utilizzo delle credenziali per accedere a servizi di uso quotidiano.

A livello mondiale, nell’ultimo anno, Visa ha superato per la prima volta il miliardo di pagamenti “tap-to-ride”, che consentono di accedere ai servizi di trasporto urbano in modalità contactless. Una tendenza che trova riscontro anche in Italia dove i progetti di mobilità urbana basata su pagamenti contactless sono attivi in molte città.

Nell’ambito delle imprese, secondo l’ultimo studio dell’Osservatorio Visa sui Pagamenti Digitali, realizzato con Ipsos e focalizzato su un campione composto da 400 tra micro e piccoli esercenti in Italia, la grande maggioranza degli intervistati (89%) si attende una prevalenza di pagamenti digitali in-store nell’arco di 3-4 anni.

I mondiali 2018 hanno fatto bene ai pagamenti contactless

«Siamo di fronte a un chiaro cambio di passo» dichiara Stefano M. Stoppani, Country Manager Visa Italia. «Dopo aver scoperto nel digitale un alleato per fronteggiare le limitazioni imposte dalla pandemia, esercenti e piccole imprese ne hanno sperimentato i benefici e oggi sono consapevoli che il digitale rappresenta un ampliamento delle opportunità di business e che i pagamenti digitali sono una leva per aumentare i volumi di vendita, non perdere occasioni con i turisti stranieri ed avere maggior protezione contro frodi e rischi».

Tra le funzionalità più interessanrti che era possibile vedere all’opera al Salone, alcune soluzioni innovative nel panorama dei pagamenti, tra cui, RCH Pay, indicato come il primo sistema di pagamento Tap to phone a livello italiano che trasforma l’intera gamma di registratori telematici di RCH in veri e propri POS, in grado di accettare attraverso un dispositivo Android, i pagamenti dei clienti su tutti i principali circuiti.Il futuro dei pagamenti digitali in Italia secondo VISA

Per quanto concerne l’open banking per banche, imprese e consumatori, di particolare interesse: Tink API per trasferire denaro, accedere a dati finanziari aggregati e utilizzare servizi finanziari intelligenti, Switcho app di risparmio personalizzato, ecolytiq per calcolare le “impronte di anidride carbonica” individuali in tempo reale, e Snowdrop Solutions, una fintech per la creazione di esperienze B2B-B2C che rende disponibili alle banche nuove funzionalità per arricchire i dati sulle transazioni e fornire informazioni di geolocalizzazione tramite Google Maps.

Qui la guida per usare Apple Pay in Italia. Tutte le notizie di macitynet dedicate a Finanza e Mercato sono disponibili ai rispettivi collegamenti.

Offerte Speciali

Tim Cook prevede difficoltà di approvvigionamento di iMac e iPad

Amazon sconta del 17% l’iMac, solo 1499 €

iMac M1 CPU 8 core e GPU 8 disponibile con sconto. Risparmio di 310€ grazie ad un ribasso del 17%
Pubblicità

Ultimi articoli

Pubblicità