Anche per i Palmari sarà  un anno no

di |
logomacitynet696wide

Oltre ai PC anche i Palmari avranno un anno difficile. Crescita al di sotto delle attese, prospettive difficili e mercato in affanno. Palm però continuerà  a dominare con il suo Os.

Dopo il settore dei computer che per la prima volta nella storia potrebbe chiudere con un segno negativo la sua crescita rispetto all’anno passato, anche per i palmari potrebbe essere un anno perlomeno deludente. Secondo IDC, infatti, tutti i segnali convergono ad indicare che il 2001 potrebbe fornire dati in basi ai quali il settore dei computer da tasca presenterà  cifre identiche a quelle dello scorso anno.
Al momento gli analisti della società  non si sbilanciano troppo, limitandosi a dire di essere in attesa dei dati delle ultime settimane, quelle della crisi post attacchi terroristici, ma è certo che l’ottimismo di inizio anno pare in ogni caso svanito.
A gennaio la stessa IDC si diceva sicura che il tasso di crescita del settore dei palmari nel corso del 2001 sarebbe stato del 20%, non altissimo ma certo soddisfacente se si considera che già  allora si prevedeva un tasso di crescita intorno al 12% per il segmento dei computer tradizionali. Ora la stessa IDC sostiene che ben che possa andare la crescita negli USA non sarà  superiore al 15% ma ci sono possibilità  non remote che non ci sia alcuna variazione rispetto allo scorso anno, il che verrebbe preso come una sconfitta per chi prediceva un successo senza fine per gli handheld.
Le cose non andranno molto meglio nel resto del mondo; anzi qui la crescita percentualmente sarà  anche più deludente. Invece del 50% previsto non si potrà  superare il 20% ma ci sono concrete possibilità  che essa non supererà  il 10%.
Per quanto riguarda la percentuale dei sistemi operativi la leadership resterà  ancora a Palm. Negli USA il PalmOs avrà  dal 69 al 75% del mercato, PocketPc dal 15 al 25%. A livello mondiale il PalmOs si assesterà  su una percentuale tra il 60 e il 70% mentre PocketPc tra il 20 e il 25%. La leadership di Palm, secondo IDC, continuerà  almeno fino al 2005 anche se perderà  terreno nei confronti della concorrenza.