Batterie Sony, ritiro globale

di |
logomacitynet696wide

Sony annuncia il piano di ritiro globale delle batterie incendiarie. In accordo con i produttori di portatili saranno sostituite tutte quelle che hanno lo stesso difetto costruttivo che ha portato al richiamo delle componenti usate da Dell, Apple e Toshiba. Intanto oggi anche Lenovo si iscrive al club: richiamati più di 500 mila Thinkpad.

Sony, dopo alcuni tentennamenti, sembrerebbe avere preso di petto la situazione delle battere incendiarie. Ad indurre alla considerazione un comunicato nel quale la società  giapponese annuncia che a breve partirà  un programma di sostituzione globale delle batterie affette dal problema “incendiario”. In pratica Sony si consulterà  con gli OEM che hanno usato le sue componenti e, sia che il problema sia manifesto che no, ne disporrà  il ritiro e il rimpiazzo in accordo ad un protcollo che concorderà  con le autorità  governative americane.

Come noto il “bug” è frutto di un difetto di fabbricazione per causa del quale, in seguito al surriscaldamento della batterie, alcune particelle metalliche contenute nelle celle agli Ioni di Litio vanno in corto circuito e si incendiano provocando spesso la distruzione del portatile.

L’annuncio di Sony arriva, forse non a caso, nel corso della stessa giornata in cui Lenovo si è formalmente iscritta al “club” di coloro che hanno dovuto pagare dazio al difetto di costruzione. La società  cinese ha infatti annunciato il richiamo di 526mila portatili Thinkpad. La decisione fa seguito all’incendio di un laptop avvenuta, come riferito anche da Macitynet, all’aeroporto di Los Angeles la scorsa settimana proprio nel bel mezzo delle operazioni d’imbarco.

Prima di Lenovo avevano richiamato le batterie di alcuni modelli dei loro computer Dell, Apple e Toshiba.