La crisi colpisce i cellulari ma iPhone fa meglio del previsto

di |
logomacitynet696wide

Nel primo trimestre del 2009 le vendite di cellulari registrano una diminuzione delle vendite a doppia cifra, un record negativo nei 27 anni di storia del settore, segno che la crisi non ha risparmiato nemmeno la telefonia. Ma iPhone 3G supera le previsioni e la concorrenza.

Due nuovi report rilasciati da IDC e Strategy Analytics esaminano l’andamento del mercato mondiale dei cellulari e, con risultati poco dissimili, individuano la peggiore crisi che abbia mai colpito il settore nei suoi 27 anni di storia. Secondo Strategy Analytics le vendite di cellulari sono scese a 245 milioni nel primo trimestre del 2009, una diminuzione del 13% rispetto ai 282 milioni dell’anno precedente. Secondo la società  di ricerca IDC il mercato della telefonia ha subito una contrazione delle vendite pari al 15,8% passando agli attuali 244,8 milioni di unità  vendute rispetto ai 290,8 milioni dell’anno precedente.

Neil Mawston, direttore di Strategy Analytics nota che i cinque più importanti costruttori di cellulari sono stati colpiti più duramente dalla crisi e hanno intrapreso misure di riduzione dei costi e licenziamenti. Dall’altra parte segni decisamente positivi provengono dal settore smartphone in cui viene indicato l’andamento decisamente positivo di iPhone 3G, addirittura migliore di quello previsto.

Strategy Analitycs calcola in 3,8 milioni di pezzi gli iPhone 3G venduti nel primo trimestre del 2009, una cifra superiore alle aspettative e ben il 123% in più rispetto allo stesso periodo del 2008 (ma bisogna calcolare che Cupertino ad inizio 2008 vendeva iPhone in pochi paesi). La Mela è riuscita a fare decisamente meglio anche rispetto a Nokia che è riuscita a vendere circa 2,6 milioni di Nokia 5800, il più vicino ad iPhone tra i dispositivi del produttore finlandese, con schermo sensibile al tocco.