Macworld, la fantasia si fa largo

di |
logomacitynet696wide

Il Macworld è ancora a due mesi di distanza, ma c’€™è già  chi pensa a che cosa di rivoluzionario potrebbe presentare Jobs. Le prime ipotesi arrivano da Forbes.

l Macworld di New York è ancora piuttosto lontano, ma c’€™è già  chi si esercita con elucubrazioni su quanto apparirà  tra le mani di Jobs in quel contesto.
Al momento la tesi che sta andando per la maggiore è quella secondo cui Apple potrebbe puntare le sue carte migliori non su un upgrade dell’€™attuale linea ma con l’€™introduzione di qualche nuovo gadget dell’€™era digitale.

Tra i giornali che più scommettono su questa ipotesi c’€™è Forbes, che spende diverso spazio per cercare di spiegare che cosa potrebbe esserci di innovativo ed eccitante nel corso della rassegna newyorkese che si apre tra quasi due mesi.
Secondo il giornale, oltre al quasi scontato aggiornamento dei PoweMac G4, Apple potrebbe lanciare una nuova versione di iPod, questa volta compatibile con il mondo Windows ma, soprattutto, potrebbe puntare su un nuovo dispositivo che in qualche modo avrà  a che fare con alcune delle applicazioni che saranno incluse in Jaguar.
Secondo Forbes potrebbe essere una specie di PDA o un telefono in grado di funzionare in abbinamento con iChat, il sistema di messaggeria istantanea annunciata qualche giorno fa.

Nel futuro di Apple potrebbe anche esserci qualche cosa che ha a che fare con Inkwell, il sistema di riconoscimento della scrittura, anche questo un componente di Jaguar. Si tratterebbe di qualche cosa di simile a Mira, il tablet computer di Microsoft, o al ‘€œpalmarone’€ di cui Macity ha parlato moltissimo in passato, capace di connettersi in maniera remota e senza fili ad un computer e consentire il suo utilizzo a distanza. Questo sistema permetterebbe di usare, secondo Forbes, le applicazioni dell’€™hub digitale senza essere necessariamente davanti alla tastiera.
Ipotesi che per ora sono fondate semplicemente su considerazioni che valgono come molte altre e che solo il tempo ci potrà  dire se hanno qualche fondamento.

L’€™unico concetto su cui ci pare di poter concordare con Forbes e senza grandi dubbi è il fatto che difficilmente Jobs potrà  lasciare la folla che si assieperà  nella sala conferenze del Javitz senza avere presentato qualche novità  di rilievo. Se questa sarà  anche rivoluzionaria come immagina Forbes, tanto meglio’€¦