Wal-Mart e Apple, prove di un’alleanza?

di |
logomacitynet696wide

Dopo la battaglia Wal-Mart e Apple starebbero trattando un’accordo nel campo del video digitale. Secondo Variety nei negozi del grande retailer americano potrebbero essere messi in vendita coupon per l’acquisto di film da iTunes. Studios sollevati dalle trattative.

Apple e Wal-Mart starebbero trattando una pace che si trasformerà  in alleanza nell’€™ambito del video digitale. A rivelare i dettagli di quello che si tratterebbe di un vero e proprio ribaltone che trasformerebbe i due principali oppositori sulla strada della rivoluzione dell’€™home entertainment è l’€™autorevole Variety.

Secondo l’€™edizione on line della rivista dedicata al mondo dello show business il tema delle trattative sarebbe la vendita nella sterminata catena di supermercati di Wal-Mart, il più grande retailer del mondo e dai cui supermercati passa il 40% del fatturato dei DVD americani, di buoni per l’€™acquisto di film on line, attraverso iTunes. Nel momento in cui l’€™affare dovesse concretizzarsi cadrebbero le ragioni del veto, di cui abbiamo parlato più volte, imposto da Wal-Mart alle case cinematografiche a partecipare con Disney all’€™avventura per il video digitale. Grazie ai coupon, infatti, Wal-Mart diventerebbe una sorta di socio in affari di Apple e compartecipe dei profitti spuntati da iTunes e i DVD in meno venduti verrebbero ricompensati dal profitto spuntato dall’€™accordo con Apple.

Nonostante per il momento, secondo Variety, le trattative siano allo stadio preliminare, i segnali che qualche cosa si sia messo in movimento sembrano potersi cogliere dai rapporti tra Wal-Mart e Disney. Nonostante all’€™inizio dell’€™estate il gigante dei supermercati abbia minacciato rappresaglie nei confronti di chi avrebbe fatto un accordo con Apple, convincendo alcuni studios (come LionsGate, Universal e Fox) a ritirarsi dall’€™accordo dopo avere di fatto dato il loro assenso, al momento sta sfruttando proprio i più grandi successi di Disney per portare gente nei suoi negozi.

Sempre secondo Variety le case cinematografiche guarderebbero con maggior fiducia alla possibilità  di un accordo con Apple anche se potrebbero attendere ancora alcune settimane per massimizzare i profitti che giungono dal periodo dei regali di Natale terminato il quale l’€™accordo potrebbe anche concretizzarsi.

Sia Wal-Mart che gli studios l’€™ultima cosa che vogliono è essere presi di sorpresa se la scommessa di Apple sul video digitale in vendita su Internet andasse in porto. Da una parte, però, le case di produzione temono di perdere il controllo sul meccanismo dei prezzi, come accaduto alle case discografiche con il successo di iTunes, dall’€™altra Wal-Mart pensa che un indebolimento del mercato del video in DVD potrebbe produrre una fuga dai suoi negozi della migliore clientela. Studi nel settore hanno infatti dimostrato che chi va nei supermercati e compra un DVD spende in media 75$, più di quanto non spenda quelli che non comprano questo tipo di prodotto.