Apple rilascia Shake 4.1: Universal Binary a 499 Euro

Arriva sui Mac con processore Intel e vede ridotto drasticamente il suo prezzo l'applicazione per il compositing video di Apple.

Apple ha rilasciato oggi Shake 4.1, la prima versione Universal Binary del proprio software per il compositing ed ha abbassato il prezzo da 2.999 a 499 Euro per essere accessibile a quasi tutti i budget di produzione.
Gli esperti di editing video che utilizzano Final Cut Studio possono ora trarre vantaggio di Shake per il compositing in 3D, il keying, il tracking e la stabilizzazione delle immagini, il tutto ad un prezzo equiparabile a quello di un plug-in.
Shake continua ad essere lo strumento preferito dalla maggior parte degli studi di motion-picture e dalle principali case di effetti speciali, per creare immagini di grandissimo impatto visivo, fra cui anche quelli di “King Kong”, vincitore dell’Oscar di quest’anno.

Shake è diventato uno strumento indispensabile qui in ILM per il compositing di effetti visivi, svolgendo un ruolo centrale nella nostra pipeline di film di cassetta come ‘Mission Impossible 3’, ‘Poseidon’ e il prossimo ‘Pirates of the Caribbean: Dead Man’s Chest’ – ha affermato Cliff Plumer, chief technology officer di Industrial Light and Magic. “Abbassando il prezzo a 500 euro, Apple ha permesso ad una nuova generazione di artisti di confezionare i propri lavori”.

Shake 4.1 completa Final Cut Studio: si può lanciare direttamente dalla timeline di Final Cut Pro e utilizza l’analisi dell’immagine del flusso ottico per attribuire un nuovo tempo, tracciare e stabilizzare le sequenze girate con precisione.
Gli effetti particellari di Motion 2 possono essere trascinati direttamente nell’albero di processo di Shake per aggiungere elementi come fumo, scintille e fuoco ai sofisticati effetti compositi multi piano in 3D. Un progetto in alta risoluzione può fluire da Motion a Shake renderizzando con il formato condiviso OpenEXR per ottenere una riproduzione filmata di qualità .

Shake 4.1 garantisce un significativo incremento prestazionale sui nuovi Mac basati su processore Intel, fornendo agli artisti e a operatori di editing prestazioni da desktop anche sui nuovi computer portatili MacBook Pro. Test sulle prestazioni su un MacBook Pro Intel Core Duo 2.16 GHz hanno mostrato che operazioni comuni come la correzione colore, la deformazione e l’applicazione di filtri vengono elaborate in un tempo fino a 3,5 volte inferiore rispetto ad un PowerBook G4 17″ con processore PowerPC da 1.67 GHz.

Gli artisti e gli esperti di editing possono iniziare a fare compositing con girati in HD, 2K e anche 4K direttamente sul luogo dove si gira.

Shake 4.1 è ora disponibile attraverso AppleStore e presso i rivenditori autorizzati Apple ad un prezzo di 499 Euro (iva inclusa). Gli utenti di Shake 4 possono cogliere tutti i vantaggi della nuova versione facendo il crossgrade a Shake 4.1 per appena 49 Euro (Iva inclusa).
Ulteriori dettagli sono disponibili presso il sito Apple/Shake.