Scoop Apple: su Mappe è stato fotografato il mostro di Loch Ness

Sulle mappe di Apple appare una scia di colore biancastro nelle foto delle mappe satellitari del lago delle Highlands scozzesi. Apparentemente la foto sembra riportare qualcosa che è sottacqua. Le Mappe di Apple hanno catturato Nessie?

Beh, le mappe di Apple saranno anche poco precise, metteranno i segnaposto dove non devono stare e portano fuori strada, ma ora, grazie all’ottimo Andy Dixon, sono riuscite in un colpo non da poco: dimostrare l’esistenza del mostro di Loch Ness.

Dixon, appassionato cultore del leggendario Mostro di Loch Ness, dopo avere passato in rassegna la superficie del lago ha notato sulle mappe di Apple una scia di colore biancastro nelle foto delle mappe satellitari del lago delle Highlands scozzesi.  L’immagine anomala sembra la scia lasciata da un battello, ma non vi sono scafi o altre imbarcazioni visibili nella foto. Per vedere “Nessie” su iOS o sui Mac con OS X Mavericks, su iPhone o su iPad, basta fare click qui e ingrandire nella posizione indicata dal segnaposto.

Dixon si è messo in contatto con Gary Campbell dell’Official Loch Ness Monster Club e questo ha confrontato la foto delle mappe di Apple con le mappe di Google evidenziando come su quest’ultima non appare la scia fantasma. Le immagini usate da Apple e Google sono fornite da società differenti; quelle di Apple sono fornite da DigitalGlobe, ma non è dato sapere in quale periodo sono state scattate. Evidentemente a Cupertino non sono solo più avanti nella ricerca sui sistemi operativi, ma hanno anche satelliti molto più pronti nel disvelare e confermare uno dei miti più longevi della storia recente nella cripto zoologia.

Intanto, mentre voi cliccate, noi andiamo ad esplorare pixel per pixel l’Himalaya, alla ricerca dello Yeti. E poi finito lì, New York per trovare Elvis che tutti sanno non essere morto, ma essere ormai un senza casa che vive di espedienti tra la quinta strada e il Central Park.

lock

 

ness