HomeMacityFinanza e MercatoGoogle Chrome, per gli inserzionisti tedeschi il blocco dei cookie è illegale

Google Chrome, per gli inserzionisti tedeschi il blocco dei cookie è illegale

Il blocco dei cookie di terze parti da parte di Google Chrome, rinviato al 2023, è sotto tiro da parte di editori e inserzionisti tedeschi, che affermano che sarà contrario alle leggi dell’Unione europea.

Nel 2020 Safari di Apple ha iniziato a bloccare i cookie di terze parti, battendo di due anni il piano di Google per fare lo stesso su Chrome. Google ha, adesso, posticipato la mossa fino al 2023, evidenziando come occorra più tempo per raggiungere al meglio l’obiettivo.

Google testa i sostituti per i cookie di terze parti

Ora, secondo il Financial Times, centinaia di editori, inserzionisti e gruppi di media in Germania hanno chiesto l’intervento del capo della concorrenza dell’UE Margrethe Vestager:

Gli editori devono rimanere in una posizione in cui sono autorizzati a chiedere ai propri utenti il ​​consenso al trattamento dei dati, senza che Google acquisisca questa decisione. Google deve rispettare il rapporto tra editori e utenti senza interferire

Il piano sandbox per la privacy di Google per il suo browser Chrome ha lo scopo di proteggere gli utenti eliminando i cookie di terze parti e sostituendoli con altre forme e strumenti di pubblicazione degli annunci.

Molte altre piattaforme e browser hanno già smesso di supportare i cookie di terze parti, ha dichiarato un portavoce di Google al Financial Times, “ma Google è l’unico a farlo apertamente e in consultazione con gli organismi di standardizzazione tecnica, le autorità di regolamentazione e l’industria, proponendo anche nuove tecnologie alternative”.

Separatamente, secondo quanto riferito, Google starebbe intensificando le attività di lobbing negli Stati Uniti sulle proposte per frenare la Big Tech con il Digital Markets Act. Per sapere di che si tratta vi invitiamo a fare click direttamente su questo link.

Offerte Speciali

Su Amazon torna Mac mini M1 in pronta spedizione

Mac mini M1 256 GB a 617 €, minimo storico con sconto del 25%!

In offerta con sconto del 25% su Amazon il più recente Mac mini con processore M1 con SSD da 256 GB. Lo pagate solo 617 €, il minimo assoluto mai visto per questo computer
Pubblicità

Ultimi articoli

Pubblicità

Iguida

Faq e Tutorial