fbpx
Home Hi-Tech Finanza e Mercato Lo stabilimento Foxconn voluto da Trump è vuoto: il governatore del Wisconsin...

Lo stabilimento Foxconn voluto da Trump è vuoto: il governatore del Wisconsin attacca

Tony Evers, governatore del Wisconsin, vuole rinegoziare l’accordo con Foxconn, la multinazionale che produce su contratto per conto di varie aziende, Apple inclusa.

Foxconn aveva ottenuto 4 miliardi di dollari in sovvenzioni e infrastrutture in cambio dell’assunzione di 13.000 persone, una soglia di impiego che oggi appare largamente in dubbio.

A cambiare le carte in tavola sui piani, fortemente sponsorizzati da Trump – che era arrivato sull’area dove sarebbe sorto lo stabilimento per inaugurare i lavori – sarebbero stati i mutamenti di piani di Foxconn. L’azienda taiwanese che produce iPhone avrebbe dovuto costruire nello stabilimento in queatione suoi display per TV e monitor di grande formato. Lo stato del nord posto fra i Grandi Laghi e il Mississippi, aveva quindi offerto 3 miliardi di dollari di incentivi finanziari per 15 anni e un altro miliardo di dollari in infrastrutture. Il costo previsto degli impianti di produzione era di 10 miliardi di dollari e l’operazione, come accennato, avrebbe dovuto portare all’assunzione di migliaia di abitanti dando un grande incentivo alla economia locale.

Wisconsin

L’azienda ha però cambiato idea, parlando successivamente di LCD di piccole e medie dimensioni, componeni che forse avrebbe potuto usare anche Apple. Poi a gennaio di quest’anno Foxconn ha cambiato ancora le carte in tavola, spiegando che nello stabilimento si sarebbero occupati di prodotti per il settore industriale e per la sanità, promettendo ancora i 13.000 posti di lavoro.  A febbraio di quest’anno i piani sono mutati ancora una volta: un portavoce dell’azienda ha di nuovo cominciato a parlare della produzione di display di piccole dimensioni dopo che il Presidente Donald Trump – che sull’insediamento in USA di aziende che producono per aziende americane ha scommesso molto – aveva fatto pressione sul CEO Terry Gou.

Ora con alcune strutture che dovevano ospitare i dipendenti desolatamente vuote e in attesa che succeda qualche cosa, il governatore del Wisconsin non crede più che i promessi posti di lavoro arriveranno mai e sembra averne avuto abbastanza: “Il nostro obiettivo è essere sicuri che i contribuenti siano tutelati e che le norme in materia ambientale siano rispettate. Di conseguenza riteniamo sia necessario controllare il contratto per capire se è necessario ridimensionarlo”.

“Ovviamente l’accordo che era stato raggiunto non ha più senso” ha spiegato Evers, “e quindi lavoreremo individualmente con Foxconn e ovviamente con la Wisconsin Economic Development Corporation (un’agenzia creata nel 2011 in sostituzione del Dipartimento del commercio, ndr) per capire come negoziare una nuova serie di parametri.

Offerte Speciali

BeatX, auricolari wireless parenti di AirPods: solo 71€

BeatsX, gli auricolari parenti di AirPods su Amazon costano solo 79€

I BeatsX, auricolari Bluetooth prodotte da Apple che si ricaricano con il cavo Lightning e condividono lo stesso chip di AirPods, sono in sconto su Amazon: solo 79€
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,436FansMi piace
95,281FollowerSegui