Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Hi-Tech » Futuroscopio » Impianto cerebrale permette a paziente con la SLA di articolare 62 parole al minuto

Impianto cerebrale permette a paziente con la SLA di articolare 62 parole al minuto

Otto anni addietro una donna statunitense ha perso l’uso della parola a causa della sclerosi laterale amiotrofica (SLA), malattia degenerativa del sistema nervoso che comporta, tra le altre conseguenze, la perdita progressiva e irreversibile della normale capacità di deglutizione (disfagia), dell’articolazione della parola (disartria) e del controllo dei muscoli scheletrici.

La donna è ancora in grado di produrre alcuni suoni vocali ma le parole pronunciate sono diventate con il passare del tempo sempre meno comprensibili, obbligandola a fare affidamento a un iPad per comunicare. La donna ha volontariamente accettato di sperimentare un impianto cerebrale ed è ora in grado di comunicare velocemente frasi (riprodotte su uno schermo) quali “la casa in cui abito non è mia” oppure “è un periodo complicato” con una velocità che si avvicina al normale parlato.

È quanto riferisce MIT Technology Review evidenziando una ricerca pubblicata dal sito bioRxiv da un team di ricercatori della Stanford University. Lo studio non è stato ancora sottoposto a revisione formale ma gli scienziati riferiscono che la paziente, indicata nei documenti con il nominativo “soggetto T12”, ha superato ogni record precedente registrato con altri impianti cerebrali, riuscendo a pronunciare 62 parole al minuto, numero tre volte superiore ad altri sistemi.

Impianto cerebrale permette a paziente con la SLA di articolare 62 parole al minuto

Le persone che non hanno problemi nella capacità di articolare le parole in maniera normale, riescono tipicamente a pronunciare 160 parole al minuto e anche nell’era in cui tutti sono più o meno bravi a scrivere velocemente sulla tastiera, usare emoji, abbreviazioni e altri sistemi di scrittura, il discorso parlato rimane sempre il mezzo più veloce di comunicazione tra gli esseri umani.

Le interfacce cervello-computer per comunicare prevedono tipicamente impianti con chip che consentono di r registrare l’attività cerebrale da impiantire nella regione della corteccia motoria, quella che controlla i movimenti delle mani e delle braccia. I ricercatori hanno individuato un metodo per registrare l’attività neuronale, imparato come trasformare gli impulso elettrico in determinata lettere, mettendo in fila caratteri diversi, parole e frasi intere.

“Decodificando” i segnali neurali in tempo reale permette di riprodurre su uno schermo le parole come se fossero pronunciate con la sua reale voce dalla paziente. Gli scienziati hanno fatto affidamento a tecniche di machine learning, imparando come trasformare ciascun impulso elettrico in lettere, parole e frasi, velocizzando il tutto anche tenendo conto di pattern tipici nelle frasi, prevedendo la probabilità di indicare alcune cose anziché altre.

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

Confronto iPhone 15 contro iPhone 14, quale scegliere

Su Amazon ancora ribassi per iPhone 15, ora al minimo storico con prezzo da 769€

Si allarga lo sconto su iPhone 15. Sono in promozione sia i modelli da 128 Gb che quelli di 256 Gb. Risparmio record fino al 21% e prezzi di 210 € sotto quelli consigliati da Apple.

Ultimi articoli

Pubblicità