Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Hi-Tech » Internet » In Australia un disegno di legge per obbligare social e affini a identificare materiale scambiato nelle comunicazioni cifrate

In Australia un disegno di legge per obbligare social e affini a identificare materiale scambiato nelle comunicazioni cifrate

Il governo australiano sta lavorando su una bozza normativa che richiederà ad aziende come quelle IT legate ai social media di predisporre funzionalità di rilevamento nelle comunicazioni cifrate, elementi che tengono conto di “aspettative di sicurezza”, con l’obbligo di sviluppare e implementare procedure per individuare e far fronte allo scambio di determinati materiali e attività anche nell’ambito delle comunicazioni cifrate.

L’obiettivo – spiega ZDNet – è quello di garantire che gli utenti siano in grado di usare vari servizi in modo sicuro, prevenire e contrastare episodi di bullismo e cyberbullismo, lo scambio di materiale relativo ad abusi su minori, la trasmissione e ricezione non consensuale di immagini intime, materiale che promuove, istruisce, raffigura e incita condotte violente.

“Misure ragionevoli” dovranno essere implementate per moderare, individuare e rimuovere materiale o riferimenti ad attività nei servizi considerate illegali o pericolose.

In Australia un disegno di legge per obbligare social e affini a identificare materiale scambiato nelle comunicazioni cifrate

Nel caso di un’app o giochi online usata da bambini, ad esempio, per default le impostazioni relative a privacy e sicurezza dovranno essere robuste e impostate sui livelli più restrittivi. I provider di servizi dovranno inoltre impedire l’uso di account anonimi per attività che possono essere illecite o dannose, per la pubblicazione di materiale e verificare inoltre l’identità o la titolarità degli account.

L’eSafety Commissioner australiano (Ufficio del commissario per la sicurezza elettronica) avrà la facoltà di ordinare alle aziende IT di rispondere dei danni e infliggere ammende fino a 555.000 dollari australiani alle aziende e fino a 111.000 dollari australiani alle singole persone.

Provider di servizi dovranno disporre chiari e facilmente identificabili meccanismi per consentire alle persone di lamentare la presenza di determinati materiali e tenere traccia di segnalazioni e report vari per cinque anni.

L’eSafety dovrà ricevere le informazioni richieste ai provider di servizi entro 30 giorni, avrà facoltà di inviare comunicazioni in ottemperanza ad obblighi che a vario titolo obbligheranno determinati servizi a essere per loro natura sicuri.

È stato predisposto un documento di consultazione per la definizione della proposta di legge, con la possibilità di indicare osservazioni fino al 15 ottobre 2021.

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

Sconto boom, per MacBook Air M2 512GB 1199 €!

Su Amazon il MacBook Air da 15,4" nella versione da 512 GB con processore M2 va in sconto. Lo pagate 680 euro meno del nuovo modello, solo 1199€

Ultimi articoli

Pubblicità