HomeMacitySoftware / Mac App StorePoco interesse da parte degli sviluppatori, addio al progetto OpenOffice?

Poco interesse da parte degli sviluppatori, addio al progetto OpenOffice?

Il progetto OpenOffice, una delle alternative a Microsoft Office, potrebbe essere abbandonato. A quanto sembra non ci sono abbastanza sviluppatori interessati ad aggiornare la suite libera e open source per la produttività personale. Dennis Hamilton, vice presidente di Apache OpenOffice, in una mail indirizzata a tutta la comunità di sviluppatori e sostenitori, lamenta che non vi sono sviluppatori che hanno la “capacità, possibilità e volontà di supportare il lavoro della mezza dozzina di volontari che tengono in piedi il progetto”. Non sono state ancora prese decisioni specifiche ma “il pensionamento del progetto è una seria possibilità”.

Molti sviluppatori hanno abbandonato OpenOffice per passare a LibreOffice, fork rilasciato per la prima volta a gennaio del 2011. Quest’ultimo è aggiornato con molta più frequenza rispetto a OpenOffice, il cui ultimo update risale a ottobre del 2015. Per OpenOffice sono stati rilasciati solo due update nel 2014; nel solo 2015 per LibreOffice sono stati rilasciati invece 14 aggiornamenti.

A luglio di quest’anno, spiega Ars Technica, è stato reso noto un problema in OpenOffice, una vulnerabilità per la quale a tutt’oggi non è disponibile un fix, evidenziando lo stato di incertezza nella quale è lasciato il software.

OpenOffice è diventato open source nel 2000 dopo l’acquisizione di StarOffice da parte di Sun Microsystems. Il fork LibreOffice è nato dopo che Sun è stata acquisita da Oracle nel 2010. Dopo il fork Oracle ha contribuito a OpenOffice collaborando con l’Apache Software Foundation che ha rinominato il pacchetto Apache OpenOffice.

La manutenzione di LibreOffice è curata da The Document Foundation nel cui comitato consultivo sono presenti gruppi quali Free Software Foundation, GNOME e aziende quali Canonical, Google e Red Hat. LibreOffice è da tempo diventata la suite di default integrata in varie distribuzioni Linux e vanta oltre 100 milioni di utenti. Con un gioco di parole, lo sviluppatore Jorg Schmidt spiega che OpenOffice è “un eccellente software” ma soffre di un pessimo rapporto con il pubblico”, mentre LibreOffice sarebbe “un buon software con eccellenti rapporti con il pubblico”.

Openoffice4esempio

Offerte Speciali

macbook pro 16 in sconto su amazon

MacBook Pro M1 16 da 1 TB su Amazon risparmiate quasi 400 Euro sul modello top

Su Amazon comprate in sconto il top di gamma dei MacBook Pro 16" disponibili online senza personalizzazion. Sconto del 10%, pagamento a rate senza interessi né garanzie e spedizione immediata.
Pubblicità

Ultimi articoli

Pubblicità

Iguida

Faq e Tutorial