Rasperry Pi festeggia 8 milioni di unità vendute e un nuovo mini computer

Disponibile il nuovo mini computer Raspberry Pi Model 3. Dimensioni identiche, ma ora con nuovo processore più Wi-Fi e Bluetooth integrati su scheda per offrire ancora più possibilità di creazione e sviluppo

Rasperry Pi 3

Presentato la prima volta il 29 febbraio del 2012, il Rasperry Pi festeggia quattro anni di vita. La fondazione Raspberry Pi in un tweet dice che sono state vendute 8 milioni di unità e annunciato la disponibilità della versione 3. La minuscola single-board è molto apprezzata dagli appassionati del settore che la utilizzano per gli scopi più disparati, da set box multimediali a gateway domotici, da mini sistemi linux (con distribuzioni ad hoc) a strumenti per la didattica a terminali di accesso super economici.

Si tratta, lo ricordiamo, di una piccola scheda (85 x 56 x 17 mm), sviluppata per incoraggiare e agevolare l’insegnamento della programmazione e dell’elettronica. È anche un ottimo punto di partenza per lo sviluppo di progetti Internet of Things (IoT). Il costo ridotto e funzionalità “plug-and-play” la rendono accessibile a tutti e utilizzabile per vari scopi grazie alle numerose opzioni di connettività.

Rasperry Pi 3Pochi giorni addietro erano state diffuse sul web delle foto che sarebbero state scattate negli uffici della FCC (Federal Communications Commission) facendo capire che il nuovo Raspberry Pi 3 avrebbe integrato di serie Wi-Fi e Bluetooth 4.0 (Low Energy). Ora c’è la conferma ufficiale, con l’indicazione del prezzo che è simile a quello già visto in passato: solamente 36 euro.

Il form factor è quello di sempre: una singola scheda da collocare eventualmente in un case con altri componenti a libera scelta dell’utente. Interessanti le specifiche tecniche: la CPU Cortex-A7 in dotazione (quad-core da 900 MHz) viene abbandonata e al suo posto arriva l’interessante Cortex-A53, quad-core da 1,2 GHz a 64 bit che offre velocità fino al 50% maggiori rispetto al precedente modello. La RAM è sempre la stesssa (1 GB), così come la GPU (VideoCore IV da 400 MHz).

L’integrazione di serie di Wi-Fi 802.11n e Bluetooth 4.0 nel Rasperry Pi 3 permetteranno di liberare una porta USB che sarà utilizzabile per altri scopi. L’alimentazione ora richiede una carica da 2.5A. Sarà necessario l’alimentatore ufficiale per Raspberry Pi (9098126 – bianco) o (9098135 – nero) o un modello compatibile.

R8968664-02