Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Hi-Tech » Curiosità » Richard Stallman «L’ecosistema Apple è una galera: iPrison»

Richard Stallman «L’ecosistema Apple è una galera: iPrison»

iPrison è il neologismo ad effetto attribuito ai prodotti Apple da Richard Stallman, padre e guru del software libero. Stallman non ha mai avuto parole gentili per le multinazionali hi-tech, colpevoli di comandare e controllare la vita digitale degli utenti, inclusi tutti i loro preziosi dati.

Intervistato da L’Espresso l’attivista statunitense rincara la dose contro Apple e Microsoft «Per me tutti i prodotti Apple si dovrebbero chiamare iPrison in quanto minano alla base le libertà informatiche dal momento che accettano solo programmi sviluppati esclusivamente dalla compagnia».

richard stallman
La frase non è chiarissima: naturalmente su Mac, iPhone e iPad è possibile usare liberamente software di sviluppatori terzi: su Mac Apple permette di installare anche il sistema operativo Windows della concorrente Microsoft, mentre su mobile l’unico sistema operativo possibile è iOS di Apple. Purtroppo nell’intervista il concetto di Stallman non è ulteriormente elaborato, in ogni caso risulta lampante che per Stallman l’ecosistema della Mela è una galera per gli utenti.

In questo senso le prove addotte proseguono «Ogni foto o video prodotto su un dispositivo Apple finisce immediatamente sui server della compagnia». Qui il riferimento diretto è senza dubbio a iCloud, ma Richard Stallman precisa che gli utenti farebbero meglio a non usare alcun tipo di cloud, incluso quello di Cupertino.

Le ferme convinzioni di Stallman sul software proprietario sono note da decenni: oltre a limitare i diritti degli utenti negli ultimi anni si è aggiunto anche il problema della privacy e della tracciabilità. Per l’ideatore della licenza GNU fondatore della Free Software Foundation e solo il software libero con codice sorgente disponibile per tutti permette di visionare il programma, modificarlo a piacere, assicurarsi che dati e informazioni non vengano carpiti dalle società a scopo di profilazione o profitto.

Per tutte queste ragioni Stallman si scaglia anche contro gli onnipresenti smartphone che permettono sempre più di conoscere dati, abitudini e anche la posizione dell’utente. Il suo consiglio è quello di usare sempre software libero, navigare con strumenti che assicurano l’anonimato infine di buttare lo smartphone.

richard stallman twitter 1

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

Recensione iPhone 14 Plus temp

iPhone 14 Plus 128 GB al minimo, sconto di quasi il 20%

Sale lo sconto su iPhone 14 Plus. Ribasso sul prezzo già ribassato da Apple euro per il più grande degli iPhone 14. Versione 128 GB al minimo storico a 795€

Ultimi articoli

Pubblicità