Smart Keyboard, smontata la tastiera iPad Pro: è parente di quella dei Mac

Immancabile arriva anche lo smontaggio della smart keyboard per l'iPad Pro. Tre layer rivelano l'uso di un nuovo materiale conduttore e un chip ARM Cortex-M a 32 bit.

iFixit ha smontato Smart Keyboard, la tastiera di Apple che estende ulteriormente la comodità di iPad Pro, offrendo una tastiera di dimensioni complete in un design sottile e resistente. La Smart Keyboard si aggancia alla porta Smart Connector del nuovo tablet, eliminando la necessità di una batteria separata, dell’interruttore on/off o dell’abbinamento Bluetooth.

La tastiera (disponibile, almeno al momento, solo con layout dei tasti per l’inglese USA), ripiegabile (si trasforma in cover) è di dimensioni regolari, con 64 tasti, è resistente alle macchie egli spruzzi d’acqua. Per quest’ultima caratteristiche Apple ha sfruttato guarnizioni in microfibra, punto “d’attacco” dal quale lo staff di iFixit è partito per accedere all’interno.

All’esterno c’è uno strato in poliuretano e all’interno una fodera in microfibra (permette di proteggere e tenere pulito il display quando è chiusa). Fra questi due strati si cela il segreto della Smart Keyboard: un nuovo materiale conduttore per collegarla con l’iPad Pro.

Rimosso con un cutter il layer che avvolge il dispositivo (un particolare tessuto a detta di Apple “ultraresistente”), è stato possibile accedere ai tasti veri e propri, sui quali sono presenti switch (il meccanismo che controlla ogni singolo tasto) del tutto simili a quelli già visti sui MacBook Retina. Aprendo con una sorta di plettro la parte inferiore si stacca lo “sagoma” che separa i vari tasti che sembrano sfruttare mini condotti d’aria per sollevare automaticamente il tasto digitato dopo ogni pressione. Non ci sono fessure fra un tasto e l’altro; il tessuto crea in partica la tensione necessaria alla pressione, permettendo di fare a meno dei meccanismi tradizionali presenti normalmente in questi prodotti.

Il layer sottostante rivela switch e microcontroller, incluso un ST Microelectronics STM32F103VB 72 MHz 32-bit RISC ARM Cortex-M3. Il misterioso tessuto conduttivo che tiene unito il tutto dovrebbe essere più resistente dei tradizionali collegamenti che sfruttano cavi piatti. Lo Smart Connector posto sia sulla tastiera, sia sul lato del dispositivo, interagisce con il materiale conduttore presente nella tastiera, consentendo il passaggio di dati e alimentazione in entrambe le direzioni.

Il dispositivo sembra a detta di iFixit durevole. Il punteggio di riparabilità è ovviamente zero: è impossibile accedere all’interno della tastiera, tentare qualsiasi tipo d’intervento o cambiare componenti (non è possibile sostituire nulla).

sZsBHplKkG4VGqeG.huge