Steve Jobs: ”Non tracciamo nessuno”

Steve Jobs smentisce seccamente e sinteticamente chi accusa Apple di tracciare gli utenti con il suo iPhone: "Non facciamo nulla del genere", dice il CEO in risposta ad una e-mail di un preoccupato utente iPhone che minacciava di comprare uno smartphone Motorola Droid con Android.

Un lettore di MacRumors ha inviato una e-mail a Steve Jobs, CEO di Apple, per ottenere ulteriori informazioni sulla questione dei servizi di localizzazione di iOS che registrano su un database del cellulare tutti gli spostamenti dell’utente. Il lettore americano ha anche “minacciato” di acquistare un Motorola Droid con Android perchè il sistema operativo di Google non effettua alcun tracciamento.

Steve Jobs, come ha fatto più volte in altre occasioni, ha risposto sinteticamente “Noi non tracciamo nessuno”, e ha anche alluso al fatto che, invece, i dati raccolti da Andorid sulla posizione dell’utente vengono trasmessi direttamente a Google. Il CEO di Apple ha anche bollato come “false” le informazioni circolate in questi ultimi giorni sui vari giornali sul presunto tracciamento di iOS 4.2.

La risposta di Jobs è vaga abbastanza per lasciare aperta la porta al fatto che iPhone raccoglie, effettivamente, i dati di posizione degli utilizzatori, ma non li usa per “tracciare”, ovvero per capire dove si trovava un utente in un certo momento a scopo di marketing, il che infrangerebbe la privacy. L’uso dei dati potrebbe invece essere funzionale ad altre applicazioni di sistema. Mentre però Android cancella dopo poco questo file sui dispositivi dotati di GPS iOS 4.2 non fa altrettanto e questo, almeno secondo il sempre ben informato John Gruber, per un errore degli ingegneri di Cupertino.