Synology DiskStation DS416play, NAS domestico per video

Synology ha lanciato DiskStation DS416play. Si tratta di un server NAS a quattro baie progettato secondo le esigenze del consumatore, dotato di un processore dual-core da 1,6 GHz con una frequenza fino a 2.48 GHz. Synology DS416play, un server storage e applicativo dalle alte prestazioni, costruito per gli utenti domestici e i professionisti per memorizzare […]

Synology ha lanciato DiskStation DS416play. Si tratta di un server NAS a quattro baie progettato secondo le esigenze del consumatore, dotato di un processore dual-core da 1,6 GHz con una frequenza fino a 2.48 GHz.

Synology DS416play, un server storage e applicativo dalle alte prestazioni, costruito per gli utenti domestici e i professionisti per memorizzare intere librerie di contenuti in un unico luogo. Offre una rapida transcodifica video a canale singolo da 4K Ultra HD o a canale triplo full HD, che permette agli utenti di convertire senza sforzo i file multimediali nei formati corretti per la riproduzione su dispositivi diversi. DS416play supporta una più ampia selezione di formati di file, rendendo più facile per gli utenti usufruire dei propri film preferiti tramite Apple TV, dispositivi DLNA, dispositivi mobili e computer.
f-DS416play_right-45-add-tray
Alimentato da un processore dual-core da 1,6 GHz con una frequenza fino a 2,48 GHz, DS416play raggiunge velocità di 225 MB/s in lettura e 186 MB/s in scrittura con configurazione RAID 5 in ambiente Windows®. La LAN Dual Gigabit offre il supporto di failover per garantire la continuità del servizio durante un fallimento inatteso della LAN.

DS416play opera su DiskStation Manager (DSM), il sistema operativo più avanzato e intuitivo per dispositivi NAS, che offre una vasta gamma di applicazioni, dal backup agli strumenti multimediali per l’uso domestico e personale. Inoltre, Synology ha ottenuto la prima posizione nella classifica generale del 10° TechTarget Quality Awards survey per i sistemi NAS di fascia media, e ha ricevuto numerosi riconoscimenti dai media, tra cui il PC Mag Readers’ Choice per cinque anni di fila.