La guerra per il Trono di spade in Cina non è finita, sospeso ultimo episodio di Game of Thrones

A impedire la trasmissione dell’ultimo episodio dell'ottava stagione del Trono di Spade a Pechino è un’altra guerra, quella commerciale tra Trump e la Cina

La guerra per il Trono di spade in Cina non è finita, sospeso ultimo episodio

La guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina ferma il tempo per Game of Thrones e impedisce la messa in onda dell’attesissimo finale della serie tv. L’ultimo episodio di Game of Thrones avrebbe dovuto essere in onda nella serata del 19 maggio 2019, ma lo show non è ancora stato trasmesso.

Ufficialmente la piattaforma di streaming che controlla i diritti di HBO, Tencent Video, ha dichiarato di aver avuto “problemi con il mezzo di trasmissione”. Un problema tecnico, insomma, ma sembrerebbe essere qualcosa di più.

Mentre questa è la posizione ufficiale di Tencent Video, un portavoce della compagnia ha dichiarato al Wall Street Journal che la televisione non ha potuto trasmettere lo show, limitata da parte del governo cinese a causa delle tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina.

Il Trono di Spade stagione 8 batte ogni record di visioneTencent ha promesso di informare i suoi utenti dell’orario in cui sarà trasmessa l’ultima puntata di Trono di Spade e HBO non è stata in grado di dare altre risposte per gli spettatori cinesi. 

L’amministrazione Trump sta portando avanti una guerra commerciale contro la Cina nell’ultimo anno. Una guerra che è degenerata all’inizio di maggio, quando il presidente degli Stati Uniti ha firmato un ordine esecutivo per il bando di Huawei dagli USA.

Entrato subito in vigore lunedì 20 maggio il blocco totale per Huawei impedisce alle società USA di acquistare prodotti del colosso cinese, ma allo stesso tempo impedisce alle società USA di fornire aggiornamenti e servizi Android, blocca le forniture di chip e processori e altre tecnologie USA fondamentali per smartphone, dispositivi di rete, prodotti e servizi del colosso cinese.

La guerra per il Trono di spade in Cina non è finita, sospeso ultimo episodio

L’ultima minaccia di aumento dei dazi sulle importazioni dalla Cina di Trump – dal 10 al 25 per cento su tutti i prodotti made in China – è arrivata all’inizio di maggio e potrebbe penalizzare duramente Apple e gli altri colossi dell’hi-tech.

Non si immaginava così, anche solo poche settimane fa, il capitolo finale dei dazi voluti da Donald Trump e della conseguente guerra commerciale tra USA e Cina. Circolavano fino a inizio marzo 2019, le bozze con impegni e promesse delle due parti, accordi che se fossero stati siglati avrebbero portato fine alle tensioni in corso da mesi, una situazione esplosiva che stava già provocando ingenti danni commerciali e non solo, in primis alle aziende di entrambi i Paesi, Apple inclusa.

Il blocco dell’ultima puntata de Il Trono di Spade in Cina è solo uno degli effetti eclatanti e meno rilevanti, nulla a confronto del botta e risposta dei due Paesi sui dazi, delle incertezze per Huawei e degli altri costruttori Android cinesi, dei crescenti boicotaggi dei prodotti Apple in Cina e del possibile trasferimento di fabbriche e stabilimenti iPhone verso paesi non in conflitto con gli USA, come India e Vietnam.