fbpx
Home Macity Curiosità Negli spostamenti in auto è meglio ascoltare canzoni malinconiche

Negli spostamenti in auto è meglio ascoltare canzoni malinconiche

Anche se suona come impensabile, per via delle sonorità vivaci, i brani dai testi più malinconici, come ad esempio Sorry di Justin Bieber, Back to Black di Amy Winehouse e Mr Brightside, dei The Killers sarebbero in realtà molto indicati per migliorare il tono dell’umore di coloro che iniziano la giornata in auto, per dirigersi verso il luogo di lavoro. E l’effetto positivo potrebbe protrarsi fino a 2 ore dall’ascolto.

È ciò che emerge da uno studio sul ‘potere emotivo delle playlist in auto’ condotto da Ford, in collaborazione con Spotify e l’Università di New York. Troverebbero sicuramente un posticino in questa playlist anche Summertime Sadness di Lana Del Ray e Shake It Out di Florence and the Machine.

Dallo studio, inoltre, emerge che sarebbe il mood blue abbinato a melodie adatte all’esperienza di guida – denominatore comune di tutte queste canzoni – a portare le persone a preferirle, come colonna sonora, durante i momenti trascorsi al volante, nei loro spostamenti quotidiani.

Gli studiosi hanno individuato due caratteristiche chiave nella musica che, assieme, influiscono nel modificare lo stato d’animo. Il dinamismo ‘muove’ la canzone, mentre il ritmo, il tempo, e la chimica intrinseca ne delineano la profondità, le emozioni che ne scaturiscono e gli aspetti più legati alle sensazioni. Insieme, questi elementi possono essere un ‘balsamo per l’anima’ e riuscire nell’impresa di risollevare anche la guida più noiosa.

Nel condurre la ricerca, ai conducenti Italiani, francesi, inglesi e tedeschi che hanno partecipato allo studio, è stato richiesto di ascoltare playlist con diverse combinazioni di dinamismo e chimica intrinseca. Gli stati d’animo dei conducenti sono stati poi rilevati attraverso una serie di questionari sottoposti loro subito prima, immediatamente dopo e durante gli spostamenti in auto del mattino.

Le tracce con un ritmo più adatto alla guida hanno sortito gli effetti migliori, ma quelle più blue o in chiave minore, con una chimica intrinseca meno intensa, sono state altrettanto apprezzate quanto quelle dai toni più allegri, ovvero con una chimica intrinseca più forte.

“A ridosso del test, i pezzi con un elevato livello di dinamismo hanno protratto i loro effetti anche nel giorno successivo”, ha spiegato Amy Belfi, Neuroscienziato Cognitivo presso l’Università di New York, che si occupa di studiare gli effetti della musica sull’apparato cerebrale. “Quello che è stato particolarmente interessante in questo esperimento è la constatazione che non sono soltanto le canzoni più allegre ad avere un effetto positivo sull’umore dei guidatori, ma ugualmente possono averlo anche i brani dai testi e melodie più malinconiche. Infatti, le canzoni blue sono in grado di aiutarci a vivere meglio il rapporto con noi stessi. Ci possono ricordare, ad esempio, le difficili esperienze che abbiamo superato e dalle quali abbiamo tratto degli insegnamenti importanti per la nostra vita”.

“Nel condurre questo studio ci siamo concentrati su come gli elementi musicali di dinamismo e chimica intrinseca siano in grado di influenzare l’umore delle persone durante la giornata” ha raccontato Koppel Verma di Spotify, che ha fornito la sua consulenza per questo progetto di ricerca. “Questa ricerca ha mostrato che non solo le canzoni pop, più allegre ed energiche, sono l’ideale per iniziare al meglio la giornata. Infatti, quando abbiamo analizzato le nostre playlist ‘da viaggio’ già esistenti, ci siamo accorti che molte contenevano al loro interno, un numero elevato di canzoni dal tono malinconico. Si tratta di una scoperta molto interessante perché se la precedente ricerca ci ha mostrato che il percorso casa-lavoro, nelle prime ore della mattina, è un momento di transizione importante, ora possiamo utilizzare i dati emersi dai test, per contribuire a stabilizzare su un mood positivo il tono dell’umore dei conducenti anche nei giorni successivi”.

Offerte Speciali

BeatX, auricolari wireless parenti di AirPods: solo 71€

BeatsX, gli auricolari parenti di AirPods su Amazon costano solo 79€

I BeatsX, auricolari Bluetooth prodotte da Apple che si ricaricano con il cavo Lightning e condividono lo stesso chip di AirPods, sono in sconto su Amazon: solo 79€
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,437FansMi piace
95,280FollowerSegui