Smart Keyboard Apple: la video recensione

Macitynet mette alla vide prova la Smart Keyboard Apple, un accessorio cui molti guardano come ad uno strumento per migliorare le capacità di iPad Pro di diventare uno strumento di produttività. Ma riesce in questo compito?

Dopo aver mostrato la video recensione dell’iPad Pro,e quella della Apple Pencil, chiudiamo il cerchio parlando di uno dei due accessori creati e presentati in concomitanza dell’ultimo arrivato nella famiglia dei Tablet della mela: Smart Keyboard, che in precedenza su Macitynet era stata presentata e recensita con un test scritto, poi in funzione di un viaggio e che ora presenteremo in una video recensione

Non saremo, lo diciamo subito, molto teneri nei suoi confronti perché sostanzialmente, a parere di chi scrive, ci sono più pecche che pregi. Se per Apple Pencil, per la quale abbiamo speso elogi, abbiamo sentenziato che è un accessorio di cui nessuno potrebbe fare a meno, per la Smart Keyboard anche buona parte delle categorie che necessitano di una tastiera “fisica” e non a schermo, dovrebbe mettere in conto diverse considerazioni prima di procedere all’acquisto.

Smart Keyboard: come si presenta

L’Apple Smart Keyboard (179 euro su Apple Store) si presenta camuffata all’interno di quella che a primo acchito sembra una normalissima Smart Cover. Un punto sul quale porre attenzione è che, al contrario di ciò che mostrano i rendering e le foto ufficiali presenti sul sito, dal vivo e nell’utilizzo quotidiano, la Smart Keyboard non risulta ingombrante nè eccessivamente pesante, come dicono le specifiche.

L’Apple Smart Keyboard, una volta aperta, si presenta come una Smart Cover a cui è stata attaccata nella parte terminale una tastiera: l’intero accessorio pesa 322 g, è largo 30,5 cm ed è alto 14,1 cm (altezza e larghezza si riferiscono alla tastiera e non all’intero assemblata).
 Lo spessore è di 4,9 mm quando la tastiera è e si sovrappone alla cover e di 3,2 mm quando viene poggiata su un piano per scrivere: ciò significa che, quando viene chiusa, la cover forma una sorta di scalino esterno.

A differenza delle smart cover per i precedenti iPad, Apple per presentare questa soluzione “All-in One” di tastiera integrata all’interno di una cover (la quale dà anche la possibilità di tenere in posizione verticale l’iPad Pro), ha dovuto cedere a questo compromesso estetico.

I materiali, invece, sono del tutto inediti ed innovativi nel mondo Apple.

Se è vero che nella parte interna quest’accessorio è dotato della classica fodera in microfibra, la parte riservata alla tastiera è rivestita di un materiale ultraresistente diverso dal poliuretano dalla cover esterna. Secondo chi scrive, tale materiale risulta non particolarmente adatto per rivestire una tastiera. Questa opinione deriva dal fatto che il rivestimento è rugoso: se il materiale in questione fosse stato liscio avrebbe certamente regalato un touch&feel più gradevole.

Ciò per cui, invece, va fatto un plauso particolare ad Apple è la scelta di privare la tastiera delle classiche fessure che ci sono tra un tasto e l’altro: tale soluzione rende la Smart Keyboard immune dai contatti con i liquidi che potrebbero, di fatti, decretarne la rottura.

Smart Connector: una soluzione invisibile

La caratteristica tecnica sulla quale porre l’accento è lo Smart Connector, quelli che a prima vista potrebbero sembrare tre puntini senza senso posti sul profilo sinistro dell’iPad Pro e che rappresentano una soluzione innovativa e rivoluzionaria per la connessione di un accessorio che necessita di energia.  Nel caso in cui starete cercando tra le righe il maggior pregio di questa Smart Keyboard, sappiate che la vera killer feature è rappresentata proprio dal connettore.

L’entusiasmo non è eccessivo, ma deriva dal fatto che la Smart Keyboard, permette ai fruitori di poterla usare senza pairing e senza alcun tipo di connessione, bluetooth o wi-fi che sia; il collegamento è di tipo magnetico: il connettore a lato dell’iPad si “attacca” al connettore presente sulla barra magnetica presente sulla Tastiera.
 Lo Smart Connector permette il passaggio di dati e alimentazione elettrica: questo significa che per poter utilizzare la keyboard non è necessario caricarla e/o abbinarla, cosa che avviene con Apple Pencil.

La vera magia sta nel fatto che si deve solo avvicinarla, un “click” magnetico la tratterrà e noi inizieremo a scrivere.

Produttività(?)

L’Apple Smart Keyboard è realmente uno strumento che migliorare la capacità di iPad di essere uno strumento per produttività personale? No, non lo è, o meglio, è una cosa del tutto soggettiva.

Si è parlato sin troppo della discutibile decisione di creare una sola versione della tastiera, e cioè quella dotata di layout americano ma di fatto risulta molto scomodo dover scrivere senza i nostri italianissimi caratteri accentati posti ai sulla tastiera in bella mostra. Sì perché, lo diciamo ai pochissimi che ancora non fossero stati informati, l’Apple Smart Keyboard, almeno nella sua versione attuale, è dotata di layout dei tasti per l’Inglese americano.

Una volta attaccata la Smart Keyboard basterà premere il pulsante posto in basso a sinistra con un mappamondo disegnato di sopra per passare dal layout americano a quello italiano: in questa maniera, anche se sui tasti fisici è riportato un simbolo o un segno di interpunzione diverso da quello presente nella versione italica delle tastiere, noteremo di aver digitato il corrispondente italiano.

Volendo fare un esempio, ciò significa che il tasto che riporta impresso la parentesi quadra e graffa aperta, una volta impostato in precedenza il layout italiano, avremo di rimando digitato la lettera “è” accentata.

Potrebbe sembrare ovvio e scontato che si sappia scrivere anche senza dover necessariamente guardare dove il dito debba andare a colpire ma all’inizio risulterà una cosa decisamente innaturale.

Apple, lo ricordiamo, per ora non ha dato informazioni sul lancio di tastiere con layout per altre lingue, ma è probabile che ci saranno. In ogni caso per ora la disponibilità unicamente della versione con disposizione dei tasti USA, è un limite non da poco

Altra pecca della Smart Keyboard per iPad Pro è la grandezza dei tasti.

Nella Video recensione di iPad Pro abbiamo parlato di una tastiera a schermo che faceva la differenza, realmente produttiva, in quanto era addirittura più grande di 1/1,5 mm per ciascun tasto, annoverandola fra i vantaggi che caratterizzavano il nuovo iPad da 12,9″. In questo caso, la tastiera integrata nella cover è dotata di tasti più piccoli della controparte Video e della controparte Mac.

Chi ha scritto tale recensione in qualche caso, seppur limitato, ha digitato due lettere in maniera accidentale, sintomo che una cosa del genere potrebbe capitare, anche se magari solo in maniera isolata.

Se la dimensione dei tasti potrebbe essere un deterrente di poco conto, diverso è il caso della retroilluminazione: convincetevi che si può scrivere se e solo se si ha abbastanza luce a disposizione, perché al buio è molto scomodo digitare su questo accessorio.

La Smart Keyboard Apple è dotata anche di scorciatoie di sistema: questo significa che in alcune App, tenendo premuto il tasto “Comand” è possibile visualizzare tutte le scorciatoie di tastiera possibili nell’App in cui ci troviamo (come potrebbe essere il “Cmd C” per copiare o il “Cmd V” per incollare).

Il prezzo, infine, è il colpo di grazia che grava su un accessorio già non propriamente perfetto e lontano dagli standard cui spesso ci ha abituati Cupertino: 179 € per una cover con tastiera dotata di layout diverso dal nostro, abbastanza pesante se attaccata all’iPad Pro (anche se si tratta di una cosa generalizzata anche ad altre tastiere, è il caso della Logitech Create per iPad Pro), eccessivamente costosa e non retroilluminata sono davvero tanti. In ogni caso la Smart Keyboard di Appl ha dalla sua parte il vantaggio di essere sottile, di avere delle scorciatoie di tastiera a portata di mano, non necessita di pairing via Bluetooth e non ha bisogno di essere ricaricata.

L’Apple Smart Keyboard  si compra a 179 euro su Apple Store oppure nei negozi autorizzati

Pro
– Geniale tecnologia di connessione
– Finitura a prova di acqua, polvere e sporco
– Non richiede una ricarica

Contro
– Tasti di ridotte dimensioni
– Mancanza di retroilluminazione
– Layout inglese USA rende scomodo scrivere
– Costo elevato

Smart Keyboard Apple