Sto caricando altre schede...

Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Macity - Apple » Mondo iOS » iPad Software » VLC, lo sviluppo per Apple TV e Chromecast è “relativamente complesso”

VLC, lo sviluppo per Apple TV e Chromecast è “relativamente complesso”

Pubblicità

Gli sviluppatori di VLC stanno preparando una versione specifica per la nuova Apple TV. Alcuni membri di VideoLAN, l’organizzazione non-profit che si occupa del progetto, in occasione dei “VideoLAN Days” di Parigi la scorsa settimana, hanno parlato con Next INpact delle ultime novità sul porting di VLC su tvOS. Il lavoro è in parte già pronto giacché molto del codice iOS è riutilizzabile senza modifiche, e lo sviluppo per Apple TV è descritto come “relativamente complesso” giacché non vogliono sfruttare API “chiuse” comprese quelle relative all’accelerazione hardware, importanti per riprodurre senza problemi alcuni filmati.

Gli sviluppatori stanno lavorando anche sul dongle Chromecast; il dispositivo di Google non è ancora supportato; anche in questo caso non vogliono sfruttare l’SDK di Google perché altrimenti il software non sarebbe più indipendente dalle piattaforme e rischierebbero di frammentare le funzionalità tra i diversi dispositivi (l’SDK di Chromecast non è compatibile, ad esempio, con Windows Phone). Il mini dispositivo HDMI da connettere alla TV potrà essere sfruttato per lo streaming di filmati, musica e immagini direttamente da computer. Il supporto per Chromecast è previsto con la versione 3.0, una major release che arriverà per le varie piattaforme e anche in una variante per Tizen, il sistema operativo usato dai televisori Samsung. Per iOS è prevista una versione aggiornata a breve con supporto di funzionalità specifiche di iOS 9, iPhone 6 e watchOS 2.

esempioVLC

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Offerte Speciali

MacBook Air M2 a solo 949 euro, mimimo storico

Amazon sconta sullo sconto Apple per il MacBook Air M2 da 256 GB: lo pagate solo 949 euro. È il minimo storico per questo modello
Pubblicità

Ultimi articoli

Pubblicità