3: iPhone potrà  bloccare il roaming dati su Tim

di |
logomacitynet696wide

3 mette rilascia i settaggi operatore per iPhone che offrono la possibilità  di bloccare il roaming dati su rete nazionale. Importante passo avanti a favore di trasparenza e costi. L’operatore mobile riduce anche i costi dati extrasoglia: solo 20 centesimi di euro ogni 10 MB.

I settaggi operatore di 3 bloccheranno di default il roaming su iPhone. Ecco quello che il nostro sito ha appreso direttamente dai vertici dell’operatore mobile.

«Da ieri sera – dice un portavoce della società  al nostro sito – abbiamo predisposto un nuovo settaggio che viene scaricato automaticamente, fin da subito, su tutti gli iPhone che hanno una nostra scheda. I settaggi bloccano il roaming dati quando non si è sotto la nostra rete; quindi, a meno di non abilitare il settaggio manualmente, non è possibile accedere ad Internet o inviare e ricevere email, quando non si è sotto rete 3″.

La notizia è di capitale importanza. 3, come noto, dove non offre la sua copertura manda i clienti in roaming dati su rete Tim. Per alcuni terminali era possibile bloccare il roaming, ma con iPhone operando sull’apposito interruttore si otteneva solamente il blocco roaming dati estero. Se per Vodafone e Tim questo non rappresenta un problema, perché i due operatori non hanno un accordo di roaming in Italia, i clienti di 3 si sarebbero trovati in qualche impiccio. Se da una parte, infatti, c’era il rischio, magari senza accorgersi, di pagare 60 centesimi a mega per dati trasferito su rete Tim, dall’altra sarebbe, bloccando iPhone su 3 disabilitando la selezione automatica (unico sistema per impedire, senza hack, l’accesso al roaming) si sarebbe stati costretti a rinunciare anche all’accesso voce, che pure non ha supplementi in roaming e a subire una sorta di “persecuzione” di messaggi di allarme che invitano a ripristinare il roaming ogni volta che il telefono identificava una rete Tim in assenza di rete 3. In alternativa, altrettanto scomoda, si sarebbe dovuto controllare perennemente il display per verificare di non essere in roaming in occasione di una sessione dati.

Ora tutto questo viene spazzato via. In pratica se si vuole accedere al roaming è possibile farlo (ovviamente a pagamento) in caso contrario si resta disconnessi dalla rete dati quando non è presente 3 e si continua comunque a telefonare e mandare SMS.

“Tutto questo – dice ancora a Macity un portavoce di 3 – lo facciamo nella massima trasparenza. Per non incidere sui costi e per non approfittare dei clienti abbiamo deciso di disabilitare “standard” il roaming. Avessimo voluto “fare i furbi” avremmo potuto abilitarlo e poi lasciare ai clienti la possibilità  di disabilitarlo; con questo molte persone però avrebbero pagato quel che, magari, non possono o non vogliono pagare”

Ma questa non è l’unica buona notizia di giornata. 3 ci ha confermato che sono state definite alcune variazioni alle tariffe “extra soglia”. Come anticipato da Macity nei giorni scorsi, chi sforerà  dalle quantità  settimanali previste dai piani pagherà  una cifra molto ridotta: appena 20 centesimi ogni 10 MB, ovvero 2 euro ogni 100 MB.

Dei piani tariffarie e delle opzioni 3 si parla in questo topic del nostro forum