Annuncio shock di Sony: perdite per 2,9 miliardi di dollari

di |
logomacitynet696wide

Sony prevede una perdita annuale di 2,9 miliardi di dollari per l’anno fiscale che si chiude a marzo, una cifra superiore alle stime più pessimistiche; primo rosso degli ultimi 14 anni. Varato il piano di ristrutturazione che però non convince pienamente gli analisti.

Negli scorsi giorni dal Giappone sono arrivate diverse notizie relative alla cattiva salute del gigante Sony: oggi il management della società  ha annunciato una previsione per una perdita record, pari a 2,9 miliardi di dollari per l’anno fiscale che si chiude nel mese di marzo.

La cifra è sensibilmente superiore rispetto agli 1,1 miliardi di dollari inizialmente previsti e persino anche rispetto alle previsioni più pessimistiche che stimavano possibile una lievitazione delle perdite fino a 2,2 miliardi di dollari. Macity ha trattato queste notizie qui e anche qui.

In contemporanea con l’annuncio della perdita record attesa, Sony ha comunicato un nuovo piano di ristrutturazione che va a rinforzare il taglio dei costi e la riduzione del personale avviati in precedenza. Sony chiuderà  completamente un impianto di progettazione e costruzione di televisori in Giappone, convogliando queste attività  in altri stabilimenti sempre all’interno del Paese. Il management dedicato ai televisori sarà  ridotto del 30%.

Ricordiamo ancora il consolidamento per i settori che riguardano le TV LCD e le batterie, la riduzione degli stipendi per quadri e dirigenti. Nel complesso Sony ha raddoppiato il piano dei tagli dei costi comunicato in precedenza.

Analisti e osservatori del mercato giapponese hanno però giudicato insufficiente la ristrutturazione avviata da Sony. Il taglio dei costi e la ristrutturazione che ora mira principalmente il settore dei televisori, secondo gli analisti dovrebbe essere esteso a tutti i rami più importanti della società .