Intel vota per la fusione tra HP e Compaq

di |
logomacitynet696wide

Intel approva la fusione di HP e Compaq e voterà  a favore con le azioni in suo possesso. Una mossa che ha ragioni strategiche e di mercato e che ha un peso simbolico.

Intel è a favore della fusione tra HP e Compaq. La società  californiana ha infatti annunciato ieri che voterà  a favore dell’€™operazione nel corso dell’€™assemblea dei soci che si terrà  la prossima settimana.
Intel controlla neppure 60.000 azioni ma la mossa ha forte potere simbolico visto che si tratta, con Microsoft, del più importante protagonista dell’€™industria PC. Il fatto che Intel sia a favore dell’€™incorporazione, dunque, potrebbe convincere molti piccoli azionisti a schierarsi a favore della fusione.
La decisione di Intel non appare, tuttavia, inattesa. Secondo alcuni osservatori, infatti, il colosso di Santa Clara vede in HP una realtà  più indipendente rispetto a Compaq rispetto alle sue tecnologie. La speranza è che la fusione possa condurre la nuova società  che nascerà  a portare ad una omologazione in fatto di schede madri e prodotti e che a beneficiarne siano proprio le forniture di chip Intel. Anche se HP ha detto che non ha alcuna intenzione di passare ad architettura Intel nel suo mercato dei server di fascia alta, è probabile che in campo PC e neei server di fascia bassa si possa assistere ad una omologazione se l’€™accordo andasse in porto.
Più di sostanza, invece, e meno simbolico l’€™annuncio secondo cui BancOne, una società  di investimenti, ha pure deciso di votare a favore. In questo caso si tratta di oltre 5 milioni di azioni che finiranno per pesare sull’€™esito finale dello scrutinio.
A momento le dichiarazioni di voto contrario sono circa il 21%, quelle di voto a favore solo l’€™8%. Ma tutto verrà  deciso nell’€™ambito della sede dello ‘€œscontro finale’€ e a pesare in maniera determinante saranno i piccoli se non i piccolissimi azionisti