fbpx
Home Macity Futuroscopio I film che si autodistruggono (parte 2)

I film che si autodistruggono (parte 2)

Poco tempo fa riportavamo l’annuncio rivoluzionario di un tipo di DVD “EZ_D” da affittare che, oscurandosi dopo un paio di giorni, non poteva poi più essere visionato e quindi bastava restituirlo… al bidone dell’immondizia.

Questa volta Sony Communication Network Corporation, col suo servizio online So-net, congiuntamente a Japan Wave, sta studiando una soluzione alternativa per la fruizione dei film sul proprio computer.

Ci sarà  un player specifico, il solo capace di eseguire il film sullo schermo del computer e una tecnologia, che si dice essere sopraffina, per impedire la copia file o, peggio, la masterizzazione su supporti riproducibili in maniera seriale.

Il file del film sarà  in realtà  scomposto in più parti e sparse per l’hard disk del client rendendo impraticabile una eventuale ricomposizione nel giusto ordine della (ex) pellicola ma, nel caso, il DRM – Digital Right Management studiato appositamente impedirebbe una rilettura, dopo una data prefissata dal distributore del file multimediale.

Si potrebbe trattare di una alternativa versione di noleggio “a tempo” senza supporto fisico.

Offerte Speciali

Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,983FansMi piace
93,611FollowerSegui