Home Hi-Tech Finanza e Mercato Apple e Big IT chiedono aiuti per costruire processori in USA

Apple e Big IT chiedono aiuti per costruire processori in USA

I giganti della tecnologia, tra cui Apple, Intel e Microsoft hanno formato una nuova coalizione, mirata a ottenere sussidi per la produzione di chip e processori negli USA, mentre la carenza mondiale di componenti prosegue per via della pandemia in corso.

L’amministrazione Biden ha definito la carenza globale di chip una questione di sicurezza nazionale, e in questo senso la nuova coalizione di cui Apple fa parte mira a fare pressioni sul governo USA per incentivare la produzione di processori negli Stati Uniti. Aziende come Apple, Microsoft e Google, che sono acquirenti chiave di chip e processori, si sono unite a produttori tra cui Intel.

Secondo Reuters, la neonata Semiconductors in America Coalition, sta chiedendo al governo degli Stati Uniti di finanziare il nuovo CHIPS for America Act. Il presidente Biden ha già chiesto al Congresso di sostenere l’atto con 50 miliardi di dollari.

apple processori stati uniti

Così scrive il gruppo in una lettera inviata ai leader democratici e repubblicani di entrambe le Camere di Congresso:

Un solido finanziamento del CHIPS Act aiuterebbe l’America a costruire la capacità aggiuntiva necessaria per avere catene di approvvigionamento più resilienti per garantire che le tecnologie critiche saranno presenti quando ne avremo bisogno

La nuova coalizione include acquirenti di chip in più settori, come AT&T, Cisco Systems, HP e General Electric. La carenza globale di chip colpisce particolarmente l’industria automobilistica, ma la coalizione non vuole l’intervento del governo:

Il governo dovrebbe astenersi dall’intervenire mentre l’industria lavora per correggere l’attuale squilibrio tra domanda e offerta che causa la carenza

Separatamente, il governo ha discusso con Intel e TSMC per aumentare la produzione di processori negli Stati Uniti. Nel febbraio 2021, il presidente Biden ha anche firmato un ordine esecutivo per affrontare la carenza:

Si tratta di assicurarci che gli Stati Uniti possano affrontare tutte le sfide che abbiamo affrontato in questa nuova era di pandemie, ma anche nella sicurezza informatica della difesa, nei cambiamenti climatici e molto altro ancora. Il modo migliore per farlo è proteggere e affinare il vantaggio competitivo dell’America investendo qui a casa

Tutto quello che c’è da sapere sul primo processore Apple Silicon M1 per Mac è in questo articolo di macitynet, invece per tutte le notizie che parlano dei Mac ARM sono disponibili qui.

Offerte Speciali

iPhone 12 al minimo Amazon: 849 € per il 128 GB, 779 € per il 64GB

iPhone 12 128G (quasi) al prezzo del Prime Day: 799€

In occasione del Prime Day Amazon aveva scontato come non ha mai fatto prima tutti gli iPhone 12. Ora li trovate ancora molto vicini a quel prezzo
Pubblicità
Pubblicità