Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Hi-Tech » Curiosità » Facebook ha fuorviato i ricercatori di fake news

Facebook ha fuorviato i ricercatori di fake news

I ricercatori di fake news che si sono affidati ai dati forniti da Facebook potrebbero aver perso mesi, o addirittura anni, di lavoro. Questo perché il social network avrebbe fornito loro informazioni incomplete e fuorvianti su come gli utenti interagiscono con i post e i collegamenti sul sito Web.

Secondo il New York Times, negli ultimi due anni Facebook ha fornito agli accademici l’accesso ai suoi dati per monitorare la diffusione della disinformazione sulla sua piattaforma:

Ha promesso ai ricercatori trasparenza e accesso a tutte le interazioni degli utenti, ma i dati che la società ha fornito loro includono solo le interazioni per circa la metà dei suoi utenti negli Stati Uniti. Inoltre, la maggior parte degli utenti le cui interazioni sono state incluse nei rapporti sono quelli che si occupano di post politici abbastanza da rendere chiare le proprie inclinazioni

In una e-mail ai ricercatori vista dal Times, Facebook si è scusato per “l’inconveniente [che] potrebbe aver causato”. La società ha anche detto loro che sta risolvendo il problema, ma che potrebbero volerci settimane a causa dell’enorme volume di dati che deve elaborare. Facebook ha dichiarato ai ricercatori, tuttavia, che i dati che hanno ricevuto per gli utenti al di fuori degli Stati Uniti non sono imprecisi.

Il portavoce di Facebook, Mavis Jones, ha attribuito l’inesattezza dei dati a un “errore tecnico”, che la società sta “risolvendo rapidamente”. Come nota il Times, è stato il professore associato dell’Università di Urbino, Fabio Giglietto, a scoprire per primo l’inesattezza. Giglietto ha confrontato i dati consegnati ai ricercatori con il “Widely Viewed Content Report” pubblicato ad agosto dallo stesso social network e ha scoperto che i risultati non corrispondevano.

 

L’antitrust italiano AGCM multa Facebook per 7 milioni di euroAltri ricercatori hanno sollevato preoccupazioni dopo che il rapporto è stato pubblicato. Alice Marwick, una ricercatrice dell’Università della Carolina del Nord, ha dichiarato a Engadget che non potevano verificare quei risultati, perché non avevano accesso ai dati utilizzati da Facebook. Secondo quanto riferito, la società ha telefonato ai ricercatori venerdì scorso per scusarsi.

Alcuni ricercatori hanno utilizzato i propri strumenti per raccogliere informazioni per la loro ricerca, ma in almeno un caso Facebook ha interrotto il loro accesso. Ad agosto, Facebook ha disabilitato gli account associati al progetto NYU Ad Observatory. Il team ha utilizzato un’estensione del browser per raccogliere informazioni sugli annunci politici, ma il social network ha affermato che si trattava di “scraping non autorizzato”.

All’epoca, Laura Edelson, ricercatrice capo del progetto, ha dichiarato ai microfoni di Engadget che Facebook stava mettendo a tacere il team perché il suo “lavoro spesso richiama l’attenzione sui problemi sulla sua piattaforma”. Edelson ha aggiunto: “Se questo episodio dimostra qualcosa è che Facebook non dovrebbe avere potere di veto su chi è autorizzato a studiarli”.

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

Sconto boom, per MacBook Air M2 512GB 1199 €!

Su Amazon il MacBook Air da 15,4" nella versione da 512 GB con processore M2 va in sconto. Lo pagate 680 euro meno del nuovo modello, solo 1199€

Ultimi articoli

Pubblicità