fbpx
Home Hi-Tech Finanza e Mercato I Mac con ARM contribuiranno alla fine del duopolio Intel-Microsoft?

I Mac con ARM contribuiranno alla fine del duopolio Intel-Microsoft?

Il passaggio dei Mac dai processori Intel a quelli sviluppati in proprio da Apple è per Intel un problema non tanto dal punto di vista economico (la Mela vanta a livello globale non più del 7% del mercato) ma simbolico, con tutta una serie di implicazioni a lungo termine che questo comporta.

Ad affermalo è Jean-Louis Gassée, l’uomo che ha lavorato per anni a fianco di Steve Jobs e che nel 1990 si licenziò e per fondare la Be Inc, progettando e sviluppando il sistema operativo denominato BeOS (inizialmente pensato per hardware proprietario, in seguito distribuito in versione utilizzabile sui Mac PowerPC dell’epoca) che a un certo punto Apple aveva valutato al posto di NeXTSTEP come alternativa al Mac Os.

Gassée afferma che il passaggio di Apple ai processori con architettura ARM porterà Microsoft a decidere: o abbandona Windows su ARM – sistema che non ha convinto tutti per una serie di problemi di compatibilità – o procederà con maggiore impegno con conseguenti ripercussioni nel mondo dei PC con Windows. Cosa faranno Dell, HP, Asus e altri ancora, se Apple riuscirà a offrire laptop e macchine desktop migliori e Microsoft continuerà a migliore sempre più Windows per sistemi ARM?  Per rispondere alla concorrenza, i vari big del settore dovranno seguire l’esempio di Apple, passando offrendo anche loro macchine con CPU con architettura ARM e riconoscere quello che, tutti sanno chiaramente: l’architettura x86 è ormai datata.

Jean-Louis Gassée
Jean-Louis Gassée

Ovviamente tutto questo non accadrà dall’oggi al domani ma con il tempo e con le varie aziende che si renderanno conto dei vantaggi delle macchine con architettura ARM, in Intel si avvertiranno i campanelli di allarme, e i vertici dell’azienda di Santa Clara si renderanno conto di non poter rinunciare alla vena d’oro del duopolio Intel/Windows, obbligando il produttore di CPU a ottenere una licenza ARM, un “treno” che si è fatta sfuggire negli anni passasti, arrogantemente pensando di poter convincere i vari produttori di smartphone e tablet che i suoi processori per dispositivi mobili erano migliori.

Perdere Apple non sarà a breve termine un problema per i conti di Intel ma la scelta della Mela potrebbe essere un terremoto in grado di generare una ondata importante; Gassée scommette che Intel sarà costretta ad accordarsi con ARM, soprattutto se concorrenti come Nvidia, Qualcomm, AMD continueranno ad attaccare su più fronti l’architettura x86.

Offerte Speciali

Airpods Pro al minimo prezzo storico: sconto da 45 euro

Airpods Pro su Amazon in forte sconto: solo 199,99 €

Su Amazon gli Airpods Pro scendono di prezzo. Le comprate a prezzo scontato e spedizione immediata a 203,50 euro invece che 279 euro.
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,663FansMi piace
94,036FollowerSegui