I problemi dei Mac con chip T2 e le interfacce audio legati alle connessioni USB 2.0

L'inconveniente segnalato nei giorni passati da alcuni utenti che usano schede audio USB sui Mac recenti con integrato il chip-controller T2 di Apple, può essere al momento arginato, disabilitando una opzione nelle Preferenze di Sistema. Si attende il fix di Apple

Problemi anche con i MacBook Pro 2018, forse colpa del chip T2

Come abbiamo segnalato alcuni giorni addietro, alcuni utenti di Mac recenti nei quali è integrato il chip T2 di Apple, lamentano inconvenienti utilizzando schede audio esterne USB.

Sulla questione torna il sito CDM, spiegando che il problema avviene quando il T2 (un chip multi-funzione che  – tra le altre cose – funge da controller audio), cerca di sincronizzare orario e posizione della localizzazione.

Secondo Abid Hussain, formatore certificato di Ableton, è possibile ridurre le problematiche aprendo la sezione “Data e Ora” nelle Preferenze di Sistema e disabilitando la voce “Imposta automaticamente data e ora”. Disattivando questa impostazione (che permette di impostare automaticamente data e ora utilizzando server dedicati in rete), non si elimina del tutto il problema ma la probabilità che si verifichi viene ridotta.

T2

Apple è al corrente del problema ma l’attuale versione beta di macOS 10.14.4 non integra al momento soluzioni all’inconveniente lamentato da alcuni utenti. Il problema, in particolare sembra riguardare dispositivi audio con connessione USB 2.0. Per qualche motivo non noto, la sincronizzazione dell’ora carica il bus USB 2.0, provocando “dropout” (l’impossibilità di elaborare in tempo reale alcuni elementi).

Collegando una interfaccia Thunderbolt o USB3.0 oppure sfruttando un hub Thunderbolt 3 certificato e alimentato, il problema non si verifica (il collegamento di un hub Thunderbolt 3 attiva un bus USB 2.0 esterno separato).

Apple risolverà probabilmente il problema con l’update alla versione definitiva di macOS 10.14.4. Il chip T2 è un componente personalizzato per Mac progettato da Apple. Attraverso la rielaborazione e l’integrazione di svariati controller separati presenti in altri computer (come controller di gestione del sistema, processore del segnale di immagine, controller audio e controller SSD), il chip offre funzionalità che prima erano delegate a più chip.