Home Hi-Tech Android World Il Wall Street Journal: «Apple lancerà  entro l'anno l'iPhone low cost»

Il Wall Street Journal: «Apple lancerà  entro l’anno l’iPhone low cost»

Apple sta lavorando ad una versione low cost di iPhone. La voce non rimbalza da solito sito asiatico (qualcuno dei quali oggi aveva, per altro, già battuto il tam tam) o da qualche improbabile blog cinese, ma da una seria e normalmente molto informata testata giornalista, il Wall Street Journal. Il quotidiano finanziario nella sua edizione on line citando «fonti che sono state informate sull’argomento» è in grado di tracciare un profilo e le strategie che starebbero dietro alla strategia, sorprendente per le abitudini commerciali di Apple specialmente nel campo di iPhone.

Apple con il telefono a basso costo avrebbe di fatto lo stesso aspetto del modello attuale, ma con uno chassis e un case realizzati con materiali che offrono la possibilità di ribassare il prezzo di costruzione. Una delle possibilità è il ritorno al materiale plastico usato in iPhone 3G e 3GS e poi abbandonato a favore del più elegante ma anche costoso vetro e poi dell’alluminio. Molta della componentistica sarebbe identica a quella dei modelli attuali o sarebbe riciclata da modelli precedenti.

Il lancio di un iPhone con prezzo aggressivo sarebbe stata allo studio da molto tempo, addirittura da anni, ma sarebbe stata sempre messa da parte per evitare la cannibalizzazione di modelli dal costo e dai profitti superiori. In effetti fino ad oggi tutto quel che Apple ha fatto è stato riproporre modelli dell’anno precedente ad un costo (leggermente) più basso, ma ora questo secondo il Wall Street Journal non sarebbe più giudicato sufficiente a fronte di un allargamento del mercato e della necessità di superare il saturamento della nicchia. In particolare Apple avrebbe la necessità di contrastare Samsung andando a combattere su terreni dove si trovano i cellulari Android più economici per riuscire a mantenere il passo dell’avversaria in termini di unità vendute e di percentuali.

In effetti, anche se assai probabilmente il trimestre di Natale di Apple polverizzerà i profitti operativi di Samsung (tra gli 8,1 e gli 8,5 miliardi di dollari), il ciclo è in una fase in cui diventano importanti anche i numeri in fatto di unità misurate in maniera relativa alla concorrenza oltre che in riferimento ai trimestri precedenti di propri prodotti. Vendere più iPhone dello scorso anno potrebbe non essere più sufficiente se calano le percentuali di mercato rispetto ad una concorrenza che magari guadagna di meno ma vende di più e quindi cresce di più perchè significa un ecosistema che si impoverisce, che è meno allettante, che offre prodotti meno visibili e quindi propone rischi se non a breve a medio termine.

Apple d’altra parte sembra essere in grado di seguire un percorso che non dovrebbe fare troppo male al bilancio né cannibalizzare le vendite dell’iPhone 5. Un esempio di cui si devo ancora misurare esattamente l’impatto ma che pare marciare entro confini virtuosi, è stato il lancio iPad mini, un prodotto economico, ma non troppo, che continua a garantire buoni margini di profitto senza tagliare eccessivamente le vendite dell’iPad “maxi”. L’idea che Apple potrebbe avere messo in cantiere è, quindi, quella di una sorta di iPhone mini, più piccolo, più leggero, più economico ed adatto ad entrare anche in mercati meno ricchi di quelli dove oggi trionfa iPhone 5.

La voce sull’iPhone “mini” (che possa davvero essere questo il nome commerciale?) si inserisce in una serie di rivoli di indiscrezioni che sta cominciando a convergere in un solo filone. Nei giorni scorsi ad esempio si era parlato di iPhone realizzato in vari colori e con schermo di dimensioni ridotte. Secondo alcuni analisti questo iPhone con dorso colorato potrebbe essere lanciato entro la tarda primavera, la stessa data che pare ipotizzare il Wall Street Journal per l’iPhone low cost. I due prodotti a questo punto potrebbero essere in realtà lo stesso prodotto con Apple che oltre che su un dispositivo economico e più leggero, potrebbe puntare anche ad un cellulare colorato e più adatto ad un pubblico giovanile, un pubblico con meno soldi in tasca e che oggi si rivolge, appunto, ai cellulari Samsung.

Offerte Speciali

Minimo storico per MacBook Air M1 256 GB: 1037,00 €

MacBook Air M1 256 GB nei colori argento e oro al minimo storico: 977 euro

Il portatile più ricercato della nuova ondata di Mac in offerta con uno sconto che lo porta per la prima volta a 977 euro
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,767FansMi piace
90,962FollowerSegui