Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Macity - Apple » Mondo iOS » Software Mac / Win / Linux per iPhone e iPad » Il DRM-free di Universal su gBox, ma non su Macintosh

Il DRM-free di Universal su gBox, ma non su Macintosh

Da poco annunciata, l’€™apertura nei confronti della musica senza DRM di Universal inizia ad acquisire maggiore sostanza. Il primo segnale forte riguarda la triplice intesa fra Universal, Google e gBox, online music store con sede a Cupertino.

Cercando su Google il nome di un artista della scuderia Universal, fra i risultati appariranno pubblicità  di gBox, che condurranno alla pagine del servizio online, da cui sarà  possibile acquistare i brani del musicista.
Il prezzo, come già  detto, partirà  dai 99 centesimi di dollaro per brano.

Oltre alle più immediate implicazioni commerciali, alcuni aspetti strategici dell’€™accordo fra le tre società  accompagnano cambiamenti non da poco nel panorama dei music store sul web.

Nel caso specifico, il ruolo di Google diviene di prim’€™ordine: Mountain View sembra non avere intenzione di aprire un music-store proprietario, preferendo l’€™impegno pubblicitario. In questo caso il servizio di gBox, oltre ad esistere in sé e per sé, si spinge all’€™esterno del suo ‘€œdominio’€, attraverso le propaggini pubblicitarie visualizzabili su Google.

Il numero dei potenziali acquirenti si amplia esponenzialmente: il bacino di utenza non è circoscritto ai frequentatori di gBox, ma è ora adiacente ad un insieme di persone che potrebbero nemmeno aver l’intenzione di comprare un brano online.
Qui entra in scena Google, che tramite AdWords, spingerà  i potenziali clienti Universal verso gBox. Inoltre la società  di Cupertino sta trattando con altre case discografiche, ma ad oggi non è dato sapere di più.

Da notare che anche altri servizi (Amazon, Wal-Mart, Best Buy e Real Network) proporranno la musica DRM-Free di Universal, ma solo gBox avrà  Google come riferimento pubblicitario.
L’€™idea di Tammy Artim, Chief Executive di gBox, è di sfruttare i canali promozionali più immediatamente percorribili sulla rete, fonti di successo anche nel passato, Sicuramente i motori di ricerca sono il punto di partenza imprescindibile; il secondo canale è il social networking, nei confronti del quale gBox sta sviluppando diversi strumenti adatti a blogs o a portali comunitari, come MySpace o Facebook.

Un’€™altra via è Windows con la sua declinazione web, vale a dire Internet Explorer: gBox attualmente è compatibile solo con il browser di Microsoft; vista la crescente diffusione di Firefox, anche il Panda Rosso sarà  utilizzabile dal giorno del lancio ufficiale (prossimo 21 agosto) del servizio.

Restando sempre a Cupertino, la cattiva notizia per gli utenti Mac è l’€™incompatibilità  di gBox con i computer della Mela. ‘€œNon sarà  comunque compatibile con i computer Macintosh di Apple’€ sono le parole di Artim.
Dettaglio tecnico che conferma la volontà  di un mercato pronto a dare battaglia all’€™iTunes Music Store.

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

Recensione iPhone 14 Plus temp

iPhone 14 Plus 128 GB al minimo, sconto di quasi il 20%

Sale lo sconto su iPhone 14 Plus. Ribasso sul prezzo già ribassato da Apple euro per il più grande degli iPhone 14. Versione 128 GB al minimo storico a 795€

Ultimi articoli

Pubblicità