fbpx
Home Macity Voci dalla Rete In Inghilterra il diritto alla copia privata è ora libero e gratuito

In Inghilterra il diritto alla copia privata è ora libero e gratuito

«La richiesta di un diritto sulla copia privata è inefficiente, burocratica ed ingiusta, una scelta penalizzante per chi paga per i contenuti». È questa la ragione per cui il Governo Inglese ha annunciato l’abolizione della proibizione alla copia privata, conferendo a tutti i cittadini briannici il ditto di trasferire i contenuti che hanno regolarmente acquistato, su qualunque dispositivo di loro proprietà.

La scelta del governo britannico, sostenuto da Lucy Neville-Rolfe, sottosegretario per le proprietà intellettuali, è destinata a rinfocolare la polemica intorno al governo italiano che ha recentemente dato efficacia ad una richiesta della Siae che ha aumentato o estendendo a nuovi dispositivi la già presente “tassa”. La vicenda, lo ricordiamo, ha scatenato un acceso dibattito che ha trascinato al centro dei riflettori Apple, prima azienda non solo ad avere applicato il diritto alla copia privato secondo gli adeguamenti richiesti, ma anche esposto il prezzo nelle fatture e nei suoi listini.

L’atto era stato considerato una provocazione da parte del ministro alla cultura Franceschini che, con Siae, aveva risolutamente affermato che la “tassa” sarebbe stata assorbita dai produttori. Se Franceschini si era limitato a qualche mugugno via Twitter e a qualche frecciatina e alzata di spalle di fronte alle domande del Foglio, Siae si è lanciata in una vera e propria campagna che ha preso di mira specificatamente Apple, con tanto di happening a base di mele morsicate e di iPhone acquistati in Francia (sottraendo circa 15mila euro al mercato dell’elettronica in Italia e un significativa quantità do denaro alla fiscalità) per dimostrare che in altri paesi, l’iPhone costa meno, nonostante un diritto alla copia privata più costoso.

Tra le azioni  dimostrative, anche la distribuzione di una tabella comparativa con i costi del diritto di copia privata in qualche paese d’Europa, con la quale si voleva dimostrare la volontà punitiva di Apple nei confronti dei clienti italiani. La tabella allora era già sbagliata, perchè dava per acquisito il diritto alla copia privata in Germania, dove invece non esiste, e stabiliva che in Inghilterra la copia privata era proibita.

keep calmIn realtà è strano che oltre che a non avere saputo che in Germania per la copia privata non è ancora richiesto un pagamento, la Siae non sapesse che qualche giorno dopo sarebbe approdata al parlamento inglese la liberalizzazione del diritto di copiare su qualunque dispositivo quel che si è regolarmente acquistato e per il quale sono già stati pagati dei diritti di copyright. È strano, perchè una società che si occupa dei diritti intellettuali, avrebbe dovuto sapere che da diverse settimane era disponibile, come nota Il Fatto, un PDF, datato marzo 2014, che descriveva i cambiamenti in arrivo.

Livello di informazione sulla materia di cui Siae si occupa, a parte, è interessante segnalare, oltre che la ragione pratica della decisione di non liberalizzare la copia privata (la raccolta dei diritti secondo il gabinetto di David Cameron è inefficiente), la ragione morale per cui è stata presa questa decisione: «la legge non dovrebbe proporsi come un ostacolo che si colloca di fronte alle persone quando si tratta di usare le legittime proprietà di ciascuno», dice Lucy Neville-Rolfe,

Intanto la Siae nella sua battaglia che ora non ha più solo come nemico Apple, ma anche Samsung che ha deciso di ritoccare i suoi listini, continua nella sua campagna a suon di grandi nomi per sostenere la decisione di aumentare la “tassa”. Gli ultimi ad aggiungersi sono Roberto Benigni e Bernardo Bertolucci che dettano all’Ansa una dichiarazione con la quale definiscono «molto grave quanto sta succedendo in Italia» aggiungendo che «la copia privata non è una tassa, ma un giusto compenso per chi produce creatività in questo Paese cercando e sperando di aiutarlo a migliorare. Secondo i due registi, «Franceschini ha compiuto un atto dovuto a favore di coloro che lavorano nello spettacolo, mentre le aziende scaricano sui consumatori un loro obbligo e compiono un atto ingiustificato a difesa degli interessi finanziari di coloro che molto prendono e pochissimo restituiscono alla nostra cultura».

BIS Id templates

Offerte Speciali

Airpods Pro scontati di ben 80 euro: su Yeppon a soli 199 euro

Sconti nel carrello per AirPods: tutti i modelli al minimo prezzo

Su Amazon gli AirPods scendono tutti al prezzo minimo. Sconto nel carrello per tutti i modelli con la possibilità anche di spendere solo 122 euro
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,664FansMi piace
94,032FollowerSegui