HomeMacityAppleTVIn USA Apple TV+ cresce in quarantena ma è superata dai concorrenti

In USA Apple TV+ cresce in quarantena ma è superata dai concorrenti

Negli USA il periodo di blocco delle attività causato dalla pandemia del COVID-19 ha portato un beneficio diretto alle piattaforme di video streaming, che hanno rilevato un incremento degli abbonamenti a partire dallo scorso mese di marzo.

Secondo un sondaggio condotto da The Wall Street Journal e Harris Poll su 2000 persone, la spesa per i contenuti video in streaming è salita a 37 dollari al mese, rispetto ai 30 dello scorso novembre.

Apple TV+ è fra le piattaforme che hanno meno beneficiato di questo incremento: secondo i risultati del sondaggio solo l’11% delle persone che hanno acquistato un servizio di streaming video lo scorso marzo ha deciso di sottoscrivere un nuovo abbonamento a Apple TV+.

Fanno meglio tutti principali concorrenti: Netflix domina con il 30%, seguita da Amazon Prime Video con il 23%, Hulu con il 21%, Disney+ (che in cinque mesi ha raggiunto 50 milioni di abbonati globali) con il 20% ed HBO Now con il 13%.

In USA Apple TV+ cresce in quarantena ma è superata dai concorrenti

Lo svantaggio principale di Apple TV+ risiede nella libreria di contenuti, al momento al palo per via del blocco delle produzioni. La seconda stagione del programma più popolare di Apple TV +, “The Morning Show”, con Jennifer Aniston e Reese Witherspoon, è al momento interrotta, così come molti altri show riservati al servizio di streaming Apple.

Lo stesso blocco ha colpito anche piattaforme avversarie come Netflix, Amazon Prime e Disney+, ma queste possono contare su una libreria di contenuti già esistenti di gran lunga più ampia rispetto al servizio della Mela.

“Senza nuovi contenuti originali, è difficile capire quale stimolo possa avere un nuovo abbonato”, ha dichiarato Steven Cahall, analista di Wells Fargo & Co., a proposito di Apple TV+. Al contrario, ha aggiunto, “anche se la Disney non avesse nuovi contenuti per un anno, i nuovo abbonati arriverebbero anche solo per il catalogo esistente”.

Il blocco economico rappresenta una minaccia per le piattaforme di video streaming, che al momento possono continuare a produrre solo pochi contenuti, in particolare i contenuti che non necessitano l’interazione sociale (si pensi ad esempio film e serie animate).

Per Apple però questo problema appare più acuto per la mancanza di un’offerta storica insufficiente a intrattenere il pubblico desideroso di novità, debolezza che nel caso di un prolungamento nel blocco delle produzioni, potrebbe minare la crescita del servizio.

Offerte Speciali

macbook pro 16 in sconto su amazon

MacBook Pro M1 16 da 1 TB su Amazon risparmiate quasi 400 Euro sul modello top

Su Amazon comprate in sconto il top di gamma dei MacBook Pro 16" disponibili online senza personalizzazion. Sconto del 10%, pagamento a rate senza interessi né garanzie e spedizione immediata.
Pubblicità

Ultimi articoli

Pubblicità

Iguida

Faq e Tutorial