fbpx
Home iOS AppleTV In USA Apple TV+ cresce in quarantena ma è superata dai concorrenti

In USA Apple TV+ cresce in quarantena ma è superata dai concorrenti

Negli USA il periodo di blocco delle attività causato dalla pandemia del COVID-19 ha portato un beneficio diretto alle piattaforme di video streaming, che hanno rilevato un incremento degli abbonamenti a partire dallo scorso mese di marzo.

Secondo un sondaggio condotto da The Wall Street Journal e Harris Poll su 2000 persone, la spesa per i contenuti video in streaming è salita a 37 dollari al mese, rispetto ai 30 dello scorso novembre.

Apple TV+ è fra le piattaforme che hanno meno beneficiato di questo incremento: secondo i risultati del sondaggio solo l’11% delle persone che hanno acquistato un servizio di streaming video lo scorso marzo ha deciso di sottoscrivere un nuovo abbonamento a Apple TV+.

Fanno meglio tutti principali concorrenti: Netflix domina con il 30%, seguita da Amazon Prime Video con il 23%, Hulu con il 21%, Disney+ (che in cinque mesi ha raggiunto 50 milioni di abbonati globali) con il 20% ed HBO Now con il 13%.

In USA Apple TV+ cresce in quarantena ma è superata dai concorrenti

Lo svantaggio principale di Apple TV+ risiede nella libreria di contenuti, al momento al palo per via del blocco delle produzioni. La seconda stagione del programma più popolare di Apple TV +, “The Morning Show”, con Jennifer Aniston e Reese Witherspoon, è al momento interrotta, così come molti altri show riservati al servizio di streaming Apple.

Lo stesso blocco ha colpito anche piattaforme avversarie come Netflix, Amazon Prime e Disney+, ma queste possono contare su una libreria di contenuti già esistenti di gran lunga più ampia rispetto al servizio della Mela.

“Senza nuovi contenuti originali, è difficile capire quale stimolo possa avere un nuovo abbonato”, ha dichiarato Steven Cahall, analista di Wells Fargo & Co., a proposito di Apple TV+. Al contrario, ha aggiunto, “anche se la Disney non avesse nuovi contenuti per un anno, i nuovo abbonati arriverebbero anche solo per il catalogo esistente”.

Il blocco economico rappresenta una minaccia per le piattaforme di video streaming, che al momento possono continuare a produrre solo pochi contenuti, in particolare i contenuti che non necessitano l’interazione sociale (si pensi ad esempio film e serie animate).

Per Apple però questo problema appare più acuto per la mancanza di un’offerta storica insufficiente a intrattenere il pubblico desideroso di novità, debolezza che nel caso di un prolungamento nel blocco delle produzioni, potrebbe minare la crescita del servizio.

Offerte Speciali

Amazon sconta il Magic Mouse 2 del 25%: solo 65 euro

Magic Mouse 2 su Amazon al prezzo migliore di sempre: solo 58,99 euro

Su Amazon il Magic Mouse 2 è ancora in sconto. Ora lo pagate addirittura meno di 65 euro.
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,665FansMi piace
94,046FollowerSegui