Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Hi-Tech » Internet » In Cina Google vietato

In Cina Google vietato

Google proibito e inaccessibile. Questa la, presumibilmente sgradita, sorpresa che si sono trovati ad affrontare nel fine settimana le decine di milioni di appassionati della rete che risiedono nel paese asiatico.

La decisione di bloccare l’accesso a Google, il più popolare dei motori di ricerca, pur non ancora confermata ufficialmente dalle autorità  locali, si dovrebbe far risalire alla dichiarata volontà  di bloccare la visione di siti ritenuti “sgraditi” al governo.

La decisione di bloccare la visione di alcuni siti non è sicuramente nuova per la Cina. Diversi siti di notizie non sono accessibili per i navigatori cinesi e la censura delle idee e dei contenuti dei siti locali non é sicuramente una novità  ma è la prima volta che viene bloccato un sito che si occupa esclusivamente di ricerche.

La decisione di bloccare Google, molto usto nel popoloso paese asiatico per la sua semplicità  e la capacità  di fare ricerche anche in lingua cinese, sarebbe stata presa, secondo alcune fonti locali, per il fatto che può condurre ad esplorare siti con contenuto pornografico, associati al movimento spirituale fuori legge Falun Gong e ad informazioni ritenute pericolose per la sicurezza nazionale.

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

Airtag già in vendita su Amazon

Airtag resta al minimo da mesi, 24,75€ euro l’uno

Su Amazon l'Airtag singolo va al minimo storico. Solo 24,45 € l'uno se comprate la confezione da 4.

Ultimi articoli

Pubblicità