HomeiOSil mio iPhoneiPhone 15 e i...

iPhone 15 e iPhone 15 Pro, tutto quello che si può collegare alla porta USB-C

La novità che salta subito all’occhio con iPhone 15 e iPhone 15 Pro è la presenza del connettore USB‑C, standard universalmente accettato per la ricarica e il trasferimento dei dati e quindi utilizzabile per collegare accessori di vario tipo.

Tra i vantaggi di USB-C: ricarica e trasferimenti veloci, la compatibilità universale e la facilità di utilizzo; tra gli svantaggi di USB-C, il fatto che c’è molta confusione intorno a questo standard e i diversi modelli di iPhone 15 lo sfruttano in modo diverso e con diverse prestazioni.

Attenzione ai vari standard, tipi di cavi e accessori

Esistono vari standard USB, inclusi USB 3.2, USB4 e Thunderbolt 4, e anche questi prevedono il connettore simmetrico USB-C. Per semplificare, ricordiamo che dispositivi Thunderbolt 4 obbligano al rispetto di alcuni requisiti minimi in termini di gestione dati, alimentazione, trasferimento segnali video e sono quelli con i quali è normalmente possibile ottenere le migliori performance.

A confondere le acque ci si mette anche Apple: gli iPhone 15 e gli iPhone 15 Plus integrano un connettore USB-C compatibile con USB 2 (fino a 480 Mbps); gli iPhone 15 Pro e gli iPhone 15 Pro Max integrano un connettore USB-C compatibile USB 3 (fino a 10 Gbps) a patto di usare un cavo Cavo USB 3 a 10 Gbps.

Il cavo USB-C in dotazione con l’iPhone supporta la ricarica e la velocità USB 2. Se si vuole utilizzare un dispositivo USB 3, è meglio usare un cavo USB 3 compatibile che supporta 10 Gbit/s.

Nuovi loghi per la potenza nominale dei cavi certificati USB Type-C
Il cavo Apple Thunderbolt 3 (USB-C) presenta il logo Thunderbolt sul rivestimento di ogni connettore.

Come riconoscere i cavi più veloci?

Il cavo Thunderbolt 4 (USB-C) Pro (1 m) è identificato da un simbolo Thunderbolt nella parte terminale del connettore, elemento che consente di distingurli di cavo USB-C più lenti. Il cavo Thunderbolt 4 (USB-C) Pro (1 m) è compatibile con le versioni precedenti dei protocolli USB 3 e DisplayPort. A questo indirizzo troate un nostro articolo su come riconoscere e le differenze tra i vari tipi di cavi USB-C.

Carica e Ricarica

È possibile caricare gli iPhone con un cavo USB-C e alimentatori conformi agli standard USB-C, inclusi cavi USB Power Delivery (PD) che supportano livelli di alimentazione molto elevati, diminuendo il periodo di collegamento necessario ai dispositivi per raggiungere il 100% della carica.

Apple spiega che per la ricarica veloce è possibile usare alimentatori USB-C da 20W oppure alimentatori USB-C come quelli di serie con i Mac portatili; per la ricarica è anche possibile usare una qualunque porta USB-C di un computer.

IPhone 15 Pro è in arrivo, ecco in anticipo come sarà

Carica Inversa

È possibile usare gli iPhone per ricaricare AirPods, Apple Watch e altri piccoli dispositivi che supportano l’USB Power Delivery fino a 4.5 watt.

Trasferimento dati

È supportato il trasferimento di dati e i modelli iPhone 15 Pro e iPhone 15 Pro Max supportano velocità USB 3.2 Gen 2 fino a 10Gbit al secondo usando cavi USB 3 che supportano questa velocità.

Audio

L’USB-C è utilizzabile anche per l’audio, per collegare cuffie o altri accessori come le nuove EarPods con attacco USB-C (vendute a parte); altre tipologie di speaker e cuffie possono essere collegate usando l’adattatore da USB-C a jack da 3,5mm o l’adattatore da USB-C a Lightning.

Video

Tutti gli iPhone 15 possono essere collegati a display esterni usando direttamente il connettore USB-C e relativo cavo (se il display dispone di questo tipo di collegamento) oppure l’adattatore multiporta da USB‑C ad AV digitale (per collegamenti a monitor HDMI e usare allo stesso tempo un dispositivo USB standard e un cavo di ricarica USB‑C).

iPhone 15 Pro con massima velocità USB 3 ma serve cavo a 10 Gbps

Display USB-C

Gli iPhone 15 sfruttano il protocollo DisplayPort per la connessione a display USB-C con risoluzione fino a 4K a 60Hz; per i display ad alta risoluzione servono cavi USB-C che supportano USB 3.1 o superiore, come ad esempio il cavo Thunderbolt 4 (attacco USB‑C) Pro venduto da Apple o altri produttori.

Sono supportati display USB-C con high-dynamic-range (HDR) e dalle Impostazioni è possibile passare dalle modalità SDR (Standard Dynamic Range) ad HDR. Il dispositivo è in grado di individuare frame rate e il dynamic range dei contenuti riprodotti, attivando l’opzione che permette di tenere conto automaticamente del cambiamento di modalità.

Sono supportati display HDMI o TV mediante adattatori da USB-C a HDMI (es. questo), duplicando lo schermo su un monitor HDMI. Adattatori e cavi che supportano HDMI 2.0 consentono l’output video da iPhone con risoluzione fino a 4K a 60Hz.

Storage esterno

E’ possibile collegare unità di storage esterne e adattatori per SD Card. Il dispositivo di archiviazione esterno deve avere una singola partizione e deve essere formattato come APFS, APFS (crittografato), macOS Extended (HFS+), exFAT (FAT64), FAT32 o FAT. Per modificare la formattazione di un dispositivo di archiviazione, è necessario utilizzare un Mac o un PC.

Altro

Altri dispositivi indicati nel documento che è possibile collegare alla porta USB-C degli iPhone 15, sono: vetture con CarPlay, monitor e display esterni, battery pack esterni, adattatori da USB a Ethernet.


Per saperne di più su iPhone 15 e iPhone 15 Plus vi rimandiamo a questo nostro articolo. Per saperne di più sui nuovi iPhone 15 Pro e Max vi rimandiamo alla sezione dedicata di Macitynet.

Offerte Speciali

iPhone 14 Pro Max, nei test due ore in più di batteria rispetto a iPhone 13 Pro Max

iPhone 14 Pro su Amazon costa meno di iPhone 14 Plus

Su Amazon va in sconto l'iPhone 14 Pro nella versione da 256 GB. Solo 1099 euro, meno del prezzo di un iPhone 14 Plus

Ultimi articoli

Pubblicità