Ming-Chi Kuo «iPhone 8 avrà una fotocamera frontale 3D rivoluzionaria»

iPhone 8 avrà una rivoluzionaria fotocamera frontale 3D per riconoscere il volto, selfie 3D e avatar da usare in una nuova generazione di app di realtà aumentata e virtuale

iPhone 8 scanner iride

Si dice che iPhone 8 sarà rivoluzionario sotto molti punti di vista, con un design totalmente rinnovato rispetto ai precedenti modelli. Non solo, anche le tecnologie integrate dovrebbero rappresentare un passo in avanti rispetto all’attuale generazione: di queste ore l’anticipazione secondo cui il prossimo terminale Apple avrà una fotocamera frontale 3D rivoluzionaria.

Seppur senza alcuna nota di ufficialità,  iPhone 8 è accreditato di uno schermo OLED edge-to-edge, con diagonale da 5,8 pollici, ma con una superficie utile di 5,2 pollici. Al di là di ciò che si percepirà immediatamente di iPhone 8, gli ultimi rumor insistono su modifiche sostanziali anche a livello di tecnologie integrate. La fotocamera frontale 3D, ad esempio, disporrà di ben tre diversi moduli, con funzionalità 3D sensing, come ipotizzato dall’analista Ming-Chi Kuo di KGI Securities. Il sistema di telecamere aggiornato sarà gestito da algoritmi PrimeSense, che Apple ha acquisito nell’ormai lontano 2013.

iphone 8

Il primo dei tre moduli sarà di tipo standard costruito da Sony, in pratica un sensore per immagini come quello presente nelle fotocamere degli attuali smartphone, mentre il secondo modulo consiste in un trasmettitore a infrarossi basato sulla tecnologia laser di Lumentum, infine, il terzo fungerà da ricevente infrarossi e sarà costruito da Foxconn-Sharp. L’utilizzo congiunto dei tre moduli permetterà a iPhone 8 di individuare posizione e profondità di oggetti posti di fronte alla camera, con potenziali applicazioni, tra cui il riconoscimento facciale e quello dell’iride, oltre che servire ad espandere le funzionalità di gioco, quelle relative ad eventuali esperienze di realtà aumentata e realtà virtuale. L’analista prevede l’arrivo di una nuova generazione di app e giochi che, sfruttando la fotocamera frontale 3D, sarà in grado di scansionare il viso dell’utente per ricreare selfie 3D, in realtà veri e propri avatar tridimensionali che possono essere applicati ai giochi, ai social e in altri campi ancora.

Secondo Kuo, questo sistema di fotocamera frontale 3D a tre moduli “porterà un’esperienza utente innovativa”, ma sarà ovviamente limitata al solo modello di iPhone 8, non facendo invece capolino sulla gamma rinnovata di iPhone 7s attesa a settembre insieme al top di gamma. Ma c’è un’altra importate osservazione dell’analista infallibile: la combinazione hardware e soprattutto software fin qui esaminata rappresenterà un vantaggio sostanziale di Apple e iPhone rispetto al mondo Android. Secondo Ming-Chi Kuo nel campo degli algoritmi 3D Cupertino detiene diversi anni di vantaggio rispetto al robottino verde, così la fotocamera frontale 3D e le funzioni associate attese offriranno una tecnologia e applicazioni in grado di distinguere ancora iPhone nel panorama degli smartphone. Non sorprende così la previsione finale: con iPhone 8 questa tecnologia debutterà nella fotocamera frontale ma nei modelli futuri Apple potrà impiegarla anche nella fotocamera posteriore.