Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Macity - Apple » Mondo iOS » iPhone » iPhone X, i problemi di produzione sono finiti, parola di Ming Chi Kuo

iPhone X, i problemi di produzione sono finiti, parola di Ming Chi Kuo

Finalmente una buona notizia sul fronte dei fornitori e delle componenti Face ID di iPhone X: secondo Ming Chi Kuo ora la produzione è stabile e regolare. Pur essendo una nota che proviene dall’intricata galassia di fornitori e parti di Cupertino in Estremo Oriente, è da prendere in seria considerazione perché raccolta e pubblicata nel report di un analista che negli ultimi anni ha sbagliato poco o nulla nel prevedere prodotti, specifiche e persino tempistiche delle novità in arrivo da Apple, una manna dal cielo considerando la leggendaria riservatezza della Mela.


Oltre a porre l’auspicata parola fine a una catena di problemi di cui sentiamo circolare voci e dettagli da un numero incalcolabile di mesi, questo significa che d’ora in poi la situazione iPhone X non può che migliorare, almeno questa è la speranza degli appassionati e naturalmente anche per Apple che deve fare tutto il possibile per mettere nelle mani degli utenti il maggior numero possibile di iPhone X.

Ora i tempi di attesa per chi ne ordina uno sono ancora di 5-6 settimane e la domanda iPhone X sembra decisamente robusta: nonostante il prezzo premium richiesto Face ID, schermo OLED, l’assenza del tasto Home e le altre innovazioni del terminale fanno gola agli appassionati. Secondo un altro analista i tempi effettivi di consegna potrebbero risultare addirittura inferiori a quelli attualmente indicati da Cupertino e (forse, aggiungiamo noi) qualche acquirente potrebbe ricevere iPhone X prima del previsto. Ma questo rimane tutto da vedere.

C’è però una seconda conseguenza dovuta alla raggiunta stabilità di produzione e rifornimenti per il proiettore di punti e della camera a infrarossi di iPhone X, riportata da 9to5Mac. Anche se alcune anticipazioni indicano che Apple forse semplificherà o modificherà le componenti in questione per implementare Face ID sugli iPhone del 2018, per Ming Chi Kuo Cupertino seguirà una strategia completamente diversa, vale a dire manterrà tutto esattamente come è ora.

L’analista non sembra avere dubbi: negli iPhone del 2018 il sensore impronte sarà sostituito nei modelli più importanti da Face ID e Apple impiegherà la stessa soluzione e le stesse componenti che ben conosciamo di iPhone X. Questo per una semplice, fondamentale ragione: Cupertino non ha intenzione di affrontare altri possibili problemi che potrebbero causare ritardi. Apple impiegherà la stessa tecnologia Face ID di iPhone X negli iPhone 2018 per avere la certezza di lanciare e commercializzare i nuovi modelli con tempistiche perfette.

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

Sconto boom, risparmio da 630€ per MacBook Air 512GB M2 15,4 rispetto ad M3

Su Amazon il MacBook Air da 15,4" nella versione da 512 GB con processore M2 va in sconto. Lo pagate 630 euro meno del nuovo modello, solo 1249€

Ultimi articoli

Pubblicità